San Giuda – 17

[… continua dalla puntata precedente]

Dopo che al ragazzo fu restituita la libertà; dopo che Giordano, schiacciato contro il muro e impetuosamente diffidato (Lui non lo deve sapere! Lui non lo deve sapere! Hai capito?! Non lo deve sapere!), aveva annuito perché Turi Torre, no, non avrebbe dovuto sapere qualcosa che, come aveva dimostrato stringendo fra le mani l’arma del delitto, immaginava già nel dettaglio; quando per un istante parve scendere la calma; quando il necessario per ripulire il luogo dell’ennesimo crimine fu ultimato… Cosma agì in modo da far sterzare definitivamente qualsiasi sicurezza, perché quel comportamento e quei gesti esulavano dalla logica che fino a quel momento aveva caratterizzato i giorni di Giordano: Cosma annunciò con modi sarcastici che dovesse “sostare a fare benzina” e stancamente aprì con una combinazione una scatola incassata nel muro, poi si sedette su un sedile che tirò fuori come nei corridoi di un treno. Infine rassegnato fissò lui, mentre improvvisamente senza dignità, senza senso della privacy, si sganciava il colletto e tirava fuori un tubo dalla scatola dischiusa.

E Giordano lottò con tutto se stesso, non volle mostrare la profonda pena che provò per lui, quando lo vide così, senza orgoglio, svelargli definitivamente di non essere né uomo, né angelo, né santo, né demone, ma fenomeno da esperimento, computer o cyborg, o robot, macchina, comunque certamente qualcosa creata per mano umana.

Il tubo era munito di un maschio appuntito che l’androide si fece penetrare sopra la clavicola e poi avvitò, spruzzando gocce di sangue.

«U fazzu iu[21]!», accorse Pietro con atteggiamento servizievole e voce roca, mentre lui lo precedeva, sporgendosi in avanti per premere il pulsante e iniziare il
rifornimento. Cosma s’irrigidì immediata-mente e parve soffocare convulsioni. Sorrise, prima di spiegare: «Anche dalla pietra è lecito ricavare energia; se solo se ne svela il mistero. E non è magia. Non è alchimia». Gli si stavano illuminando gli occhi, respirava molto profondamente e vibrava. «Ora lasciatemi solo, Pietro. Almeno ora», pregò con la voce che andava alterandosi.

Il mafioso obbedì e fu nel portare l’attenzione su di lui, sui suoi lineamenti spigolosi e consumati non dal tempo, ma dalla vita dura, su un naso deformato dalle fratture per vecchie risse, che Giordano capì quale martirio fosse per Cosma (per la parte organica di Cosma) la prassi che stava espletando, perché lo stesso supplizio si rispecchiava nell’espressione contrita del suo scagnozzo; capì che nel cuore di quest’ultimo   matto e violento uomo c’era un buco enorme e che quel buco era il profondo affetto che provava per il proprio boss. Capì che adesso anche lui gli avrebbe parlato, adesso che Giordano aveva trovato un perno su cui far leva: la palpabile sofferenza di Cosma.

 

«Uòggi rifardu nun sì cchiù e ’gni gnonnu ca passa sempri cchiù isatu sì. Ccu cu è a stissa cosa nun c’è bbisognu ri stuppa, nun su è criccu, croccu e manicu-i ciascu ccâ cumarca dâ commissioni. Òmmini ci sunnu e si pò arraggiunari…

N-mmunnu i chianchèri semu, unni a ’nfussata dî reguli dô jocu e u ’ncarugnimentu ognimpiçi i nostri viti paventanu. Òdi, vagnati i pizzu d’i stissi pirsuni e cummogghi abbuccàri u russu com’n uèrra fannu. Ma però chidda d’a nostra cosca na crirenza ppi cui semu cunminciuti d’essiri cumannati d’u Signuri è, na cumpatènza, na lampa rreali ppi cui fari u iocu d’u spiriddu nun vulemu; n rialu ca,[22]

unni puzzàmu i casa i nuautri, sempri abbinti semu a vèniri ô ddividdiu ccu anuri e cori da trigghiàri unnegghiadè, madè  quannu ni consumammu.

Puru si fa balèna, Cosimu è figghiu i panza ammaccata, picchì è asimplari, a cozzo i crucifissu e cammisa janca, camuliàti e sbacchittàti ’gnignornu dâ vunchiàta, affatata, ccu tutti i sacramenti lama pruvata d’amari, aviri nu cori ranni e ’mpunirisi i pobblemi dô prossimu. [23]

Si nt’i calameli nascìu, nun picchì paru paru spartùtu dî cosi trubali fu: ’u zu (nn ’o portu nun ci fu càlia) ’a pistiàta dâ cìnniri strumintiava e dô frati si faciva forti, forsi ammuccunàtu e paccaru, ppi sparàrisi i ’nzusi nâ agginzia edili. U vascu i Cosimu, architettu ca cummannau u pezzu i dudici, avia a accanzàri i larghi, fari tràsiri i pigghia n manu e limusinàri i aggiudichi. Ô restu u beddu zu cacaova pinzava. Unni fici a baciletta nun fu ’mpurtanti, nun pô vascu; pp’a decina i nuautri sicuru! [24]

Chiddi, tempi francisi furunu… Ccu ddu perciavertuli ca calàu n friscu ’ncarcannu a manu, sbafannu supra â curdarola ca u faciva essiri d’a martiddatura, a stissa bacilletta avimmu. [25]

Na fibbia risalda ci mannammu, dicinnucci a manicu i timpirinu “nun azziccagnàri i riffi!”, ma però iddu, minchioni, ascutàri nun vosi e di li caliatùri nun si livàu i mani, comu a n’antista pittànnucci.

Quannu ci cummissionammu u coriu, buffa facimmu, picchì – tabbaccu ca fu tinuto ad ala da na màchina i sicurtà dô tipu annacamìlla – ammatula dô paìsi caicchi a quattro n sordu allivantammu. In cumpenzu n corpu i scena ci fu, picchì stramenti a pasta ch’i sardu e i scasciatini i canna i stenniri ’nfutarunu i carduna ca àppiru ggià cuvàtu supra u sô cricchimìddu e i sprònfiri ficiru stadduniànnuci ppi farici fari a mancia-cucuzza supra tutta a parànza.[26]

Cascittùni ca mai juràu, pavintatu da u mutriu i Cosa Nostra, da chiddi ca furunu dî buttuni si fici fari a varva i stuppa, spirando putissiru farilu spiriri, cannunca nun facìa a badètta, ittannu i vermiceddi, ma latiànnu i parrari dû frati. Ppi sta scaciuni fu ntisu “pintitu” e a sô famigghia ncasciata  sutta a cannula.

Cannula cchiù tinta i na tenuta dâ posta parru cummigghiàtu e dicu: parru cifratu dâ raccumannazzioni dell’amicu di l’amici ca quartìgghiu fu dô vecchiu vertici triunviratu e ca però, picchì u boia u lardu fici, abbaccari si fici dâ possibbilità i fari u cavallìttu.[27]

Sgriciò â cupola ca ccu nuautri i manciàri sempri pruvulazzu avìa a fìnciri, iurannu supra i rizzi di darini canziata ppi sempri, nunustanti avimmu a pruvìgghia i supra. Ppi scanciu u so vintidùi sordi nun pavintammu, ccâ cifunera ben vardata picchì a sucari si nni ìu.

Entantu a lluminata cannula pulitica, abbira ô lùfio suvàru pp’ô frate, nun pigghiàu Mastru Petru e a sô famigghia. Mizzica… Mizzica ca chista, nun-sapinnuni palata d’i reguli ’i nuautri, fu vacanti!

E mizzica ca, viruti arrusciare stinnicchiati na para i picciotti i iurnata dopu avirini fattu cummogghiu – u cravùnchiu supra a  vaddàra ca, ncuttu, si pigghiàu u bagarozzu ppi fari u pispisuni – pâ prima vota u rappresentanti i nuautri vosi sentiri u ciauru e u gustu dâ vinnitta scunchiuruta .[28]

Tannu nun cunfanfarava livarisi a petra i la scarpa ccu ventuni e addèvi: masannunca asciucàrilu caruso, era di bonu cori risicari anticchia a difisa dû sangu dû masculiddu, e vardarini a porta i sacristia affunandoci suli suli comu sempri si fici. I reguli dû jocu d’a famigghia sdisinzàti cchiddi judicàvanu ca si dipurtavunu  strèvusu: a coffa i medda ca zumpiatu avi a essiri ppî abbusi o i quartî carni cu fa testa fu di tutt’uri e mai u garòttulu o a macca…[29]

 

Ma però, scarrubbata a surra ca arreri a na lannusa canziàu ppi tutta para a so stòria a stuppa ravanti ô parracu granni, manciàta a cocuzza, ci su sulu sbissìni… e a nàscita i cu fa sta affìsa sciddica ntâ nfamia.

U me signuri sâ insigarò: ddu jornu, canziatu dâ sciavazza di Don Lunardu, lavatu da n’acqua ca ci desi latinu, liggìu a vita a ogni cammarata ddavanti ô cappottu di lignu, incoddannusi pp’i famigghi u saìmi iurnaleri ppi farili essiri in pagghia, ma ô tempu picca e nenti daccapo a varva si fici e ciauriava i sapuni ccô eucaliptio. Tuttu azzizzatu e tisu, fattu tornu i nuautri picciotti i sgarru avia nâ agghigghiata i na batista ca â alàia e aî ficudinia l’avia aggimmata. [30]

 

Dda, nsusu ô tàulu i mmàrmuru, ca accostu â villa ntica si sminnittiava, u accieru pugnu sdivacàu, tirannu a strazioni di astutàri u cileccu ca nun fu rivilatu dô bassu ca iazzì, ccu sto parrapicca, avia scarcagnatamenti disiàtu fàricci cummògghiu.

Stavota nuiautri c’accavaddammu e, affirmatu u ddrittu â cupola, a prevula i casa i Cosimu abbattimmu, appoi ca l’avimmu cernuta ppi jorna, comu affidati i attruvarici nû puzzu a bedda pumata pî caddi fummo. Ccu coppa i danni e i saviardu a ccacciapaddu u cappottu ci facimmu, dô cchù vecchiu ô cchiù cùrcio, facinnu avviriri all’autri a stuppata n ponciu dâ genìa stramenti madè iddi dâ testa fitevanu.[31]

Iù mai accussì nsarbaggiutu fui, mai ccu tanta lurdìa camisài, mai tantu vrodu in na vota sula visti, mai tantu pizzipinturru fui, ma sutta a mutria culostrata e loffia dô me capo-mandamentu ’gni suppilu suppilu n schitìcchiu fu, u pizzu u cunurtu dâ vinnitta. Iàtti cu-ddeci idìta ca ’un avianu nenti da sburricari, iti a la gguèra, bedda cartata di reschi… mani gradigghiata a chiddu ca cazzuliò tantu da farini avviriri stoppagghiari tunni e ca, chìnati juncu ca passa la chiena, ppi manu ’i nuautri avia a iri a guardari ’i ficudinnia.[32]

Ppi causa i na simili nfussata di tannu m-puntu ncignammu na vita senza rreguli, senza rrispettu ppô culostra i m-piritèddu ca ripitàu ppâ morti china i chiài i chiddu ca u campàu, vita senza a pietà ppî cacacammisi.

E Cosimu… u me Cosimu… u cchiù cardiddu dî tri masculidd’e bbonu, ô rriversu dâ autra para ca cianciuliò piatùsa e fici buci, allivoti picchì cchiù sapitùri i nzoccu rusicau, allivoti picchì menu caliati, Cosimu, ca avia ott’annuzzi, antura dâ scola arricogghiùtu nautrattorna cû falàru vistùtu, latinu e ntaci maci u cacocciula taliàu, mutriannusi, ccumpuru a farisi ’u coriu iddu stissu nun fussi, ccumpuru nun grapìu vucca ppi impùniri cumannamenti ca ggià prima dittàti furunu, ccumpuru ccu n sulu ’ncascia varvitti nun avissi sagnatu. Suprô mammasantissima l’occhi ’ngumava, cch’i corna tisi picchì sapiva ca a ddirìggiri ’dda tunnìna fu ’u pezzu ’i novanta… ca si nni addunàu.[33]

 

 A iddu s’abbicinàu, a ’i sô occhi ’ranni ca ’na pilucca nun si pigghianu, ô so coriu ddisiccu e valurusu, ô me dannu ca dô cerru mi scippàu, e accussì ’u ’ttaccàu: “Adesso tocca a te. Tira manu!”[34]

Iù u cori quantu a n filu i capiddu mi fici, faiu fui ddattàgghiu dû sbissitìnu ca, nun sulu fici u piciuciu, ma iàntini affacciu â mutria alba a capezza susìu, ncucchiatu a n’omu ca nèsciri u cori ô cchiù ziccusu dî gumiti faciva e ccu n sulu smiccìu pisciari intra nu cannolu ai cavaddi faciva, fui abbarruàtu, ghicàtu, picchì n dìtu nun mossi? I pinnulara? A quali?! Neppuru quannu u tàvaru a muzzica sorda a sô cannarini iuncìu. Iu iuro ca, ppiddavvero, nun avia mai vidutu nuddu n tô munnu nun trimari pricantarìtu davanti ô me bossu, faraùni i n cannìggiu, dâ facci ricuttàra e siddiàta, juro ca puru iù, accussì malacarni e mastru, mi fici pigghiàri dâ frevi dô scantazzu ca accupava n’omu ca senza ggestu i papiari e liggifirari nzerta, n’omu ca, nî pochi bbotti ca a sciuscianti susìu, ccu n’unicu chiummu cani e-ggatti astruppiàu, n’omu ca appòi, onorato, sulu, mutriu fici e smatuciàu ô zzuccu i jùvini Alessandro Martino, ca ppi bona sorti, sâ scapputtàu e abbissàtu a fari mastrî boni ordini fu.[35]

Cosimu na virrina fu.

E a gaddarizza nun calau, n suspiru i rijuncu nun suspirau, mancu agghiuttìu, comû aùgghia i machina ppi attimpagnari u liccasapùni stramannau, a mia stortu vardannu.

“Pietro, tu farai di lui un omo de panza”, buttiau.[36]

Spìnciri u sbissu i chiddu ca nzunzàsti comu aviri na bardàscia nû minnulàru è; impararici i reguli dû jocu na pillicula pari. Ma Cosimu bonu s’insignau e litupiu ni fanfièra è. Mai cannìla astutata nghinnèssiri: u me picciriddu usticanu nun agghièssiri e u capu masu agghièssiri. Oggi dumani mulu fausu è? Allura u me patruni a “Nasu Manciatu” avi ô arrinnirisi ppô cerru i Don Sucasimula ca iddu stissu sâ scapputtassi vosi, allivoti ppi ddicèriri iddu stissu u sô minchiutu aggiuccaturi e u chiuvardu ppô dumani.

Zuràitti a fari u scaffiàtu, a usari u attufamentu, a chiancarella e i cavigghiuni a n cavaddu i cursa e sauta n pizzu imparàrici.[37]

 

Ccu travàgghiu e sturìu spirtu bboni u fici sbruddàri, a cummogghiàri i smanii e a ciusciarili fora cc’imparai, a fari sùvaru e farisi lèggiu ppi sgrusciri nî coppa a lavina, a nun dulliari, ma puru a essiri llittiratu, a livarisi a vita e alunni nu strumentu i uerra dâ vita ddivintàu, n’omu i machina ccu li cazzi e ccu li contracazzi e pure finu, n’aliòtu tintu.

Ma parò nun avi corna cu s’affaccia ô suli e nun fa ùmmira, accussì comu a me ’ranni criatura Cosimu. Difatti, nascarda ca u so pigghiarsi bumme mai cchî scarpi stritti nû  travagghiu u fici, vistu ca subbitu cavaddu i razza â sbilata s’arripizzàva; nascarda ca figghiu i parrinu, malantrinu, lannùni parsi… auòra quaccosa canciàu, facinnuni pàpiri i gilatina.[38]

 

Cchi fu nô sacciu, ma a frisca e pirita finìu: ora Cosimu sdillirìa, truvulìa, bbùcita, struscìa… Fa sonati i pianu a pedi in terra! Nun pò, nun avi agghiessiri i magghiàrisi accussì, madè a-ggrannizza â cacocciula i nuautri è l’urtima ca cridi ancora nî reguli dû jocu dâ Onurata Società. Nuautri nun duvemu fari u jocu dî tutùi.

Domando scusa e chiedo pirdunu. Picchì, coffa i ginisi? Picchì? Picchì auòra Cosimu beddi pedi i tavuluni è? Tu si cca ppi fari scrusci-scrusci, ssi cca ppi ripizzarilu. Dacci a vita, tô staiu dittannu! E suddu tu fussi nfanfaru mpapucchiaturi, s’annunca nun ci a facissi… amàra a tia: vi facissi cadiri a sirratùra a tia e a iddu!»[39]

Marcella Argento

*

[21] Lo faccio io!

[22] «Oggi non sei più estraneo e ogni giorno che passa ti leghi sempre più a noi. Non c’è bisogno di omertà con uno che è la stessa cosa, non se vive spalla a spalla con i membri della commissione. E tu ormai hai acquisito il diritto di sapere…

Siamo in un mondo duro, dove la perdita degli antichi valori e il tradimento minacciano in ogni istante le nostre vite. Odi, competizioni e criminalità rendono probabile l’omicidio come in guerra. Ma quello della nostra provincia è un credo del quale ci sentiamo investiti da Dio, una missione, un prezzo regale a cui non vogliamo sottrarci; un dono che, laddove ci spetta per eredità, comunque siamo costretti a conquistarci con onore e valore da ostentare in qualsiasi momento, pure dinanzi alla morte.

[23]Anche se apparentemente non lo dimostra, Cosma è l’incarnazione perfetta di questo, perché dentro di lui gravidano profonda maturità e forza d’animo, tormentati e minati ogni giorno dall’enorme, meravigliosa, speciale capacità d’amare, donarsi e immedesimarsi nel prossimo.

[24]Se era nato nel lusso, non era perché totalmente avulso dai giri illeciti: lo zio, che non era un uomo d’onore, organizzava il traffico dell’eroina e si serviva del fratello, forse cittadino inconsapevole e ligio alle norme, per reinvestire i proventi in una impresa edile. Il padre di Cosma, architetto ben affermato, doveva procurare i terreni e i contratti per le vendite, proporre i progetti e ottenere le licenze. A tutto il resto pensava il buon zio miliardario. Dove trovasse la grana non era importante, non per il padre; per noi sì!

[25] Erano altri tempi quelli… Le nostre fonti di approvvigionamen-to erano le medesime di quell’ominicchio che stava allargando sempre più la propria sfera d’influenza, senza rispettare gli accordi presi con noi.

[26] Lo minacciammo chiaramente di non fare il furbo, ma lui, idiota, non volle ascoltare e continuò imperterrito a usare trucchi per deviare il contrabbando a esclusivo proprio vantaggio.

Quando commissionammo il suo omicidio, sbagliammo strategia, perché, non sapendo che fosse protetto da un moderno sistema di sicurezza, inutilmente reclutammo dalla provincia soldati che purtroppo non si dimostrarono all’altezza della situazione. In compenso vi furono conseguenze ben più gravi, visto che la mischia e i colpi di lupara attirarono i carabinieri che avevano già ricevuto segnalazioni su di lui e ne approfittarono per interrogarlo a lungo su tutta la Società.

[27] Uomo indegno, che non aveva mai neanche prestato giuramento, terrorizzato dalla condanna di Cosa Nostra, sperando che le istituzioni potessero salvargli la vita, cantò, denunciando tutti, fatta eccezione per il fratello. Per questa ragione fu definito “pentito” e la sua famiglia posta sotto protezione.

Protezione… per protezione intendo qualcosa di più di una semplice scorta: parlo della raccomandazione da parte dell’amico degli amici con il quale l’allora vertice triunvirato era in combutta da qualche tempo e che però, grazie a quelle rivelazioni, poteva sperare in un buon avanzamento.

[28] Promise alla cupola che non ci avrebbe scovato, giurando di offrirci eterna latitanza, nonostante sapesse perfettamente chi fossimo. In cambio non dovevamo intimidire il suo asso nella manica, difeso perché fonte di innumerevoli, documentate informazioni.

La famosa protezione politica però, proprio per via del maldestro tentativo di tenere fuori il fratello, non si estese a quest’insignificante individuo e alla sua famiglia. Peccato… Peccato che quest’ultima, assolutamente ignara delle nostre regole, non aveva preso forme di difesa!

E peccato che, visti sgominare alcuni soldati dopo averli catturati, ulteriore pegno che si arrogò l’ufficiale dei carabinieri per migliorare la propria posizione professionale, per la prima volta il nostro rappresentante volle sentire l’odore e il sapore della vendetta collaterale.

[29]Non era usanza prendercela con donne e bambini: piuttosto che farlo fuori da piccolo, si preferiva rischiare l’eventuale vendetta del figlio in maturità, e difenderci con le metodiche auto-carcerarie che si adottavano ogni giorno comunque. I nostri principi non concedevano di comportarsi in modo definito disdicevole: il traditore che doveva pagare per i misfatti o le disobbedienze era sempre il responsabile e mai il figlio o la moglie…

[30] Ma, spezzata la prima legge assoluta che pose in sicurezza per l’intera sua storia l’organizzazione nei confronti  della  istituzione, spezzata la legge dell’omertà, tutto perde dignità e il sangue di chi compie questo delitto diventa maledetto.

Non fermò più nessuno il Rappresentante: quel giorno, camuffato dal berretto di un villano, sotto una pioggia che collaborava a nasconderlo, omaggiò i propri uomini d’onore al funerale di ognuno, promettendo alle famiglie il salario giornaliero per il loro sostentamento, ma solo un’ora dopo si era di nuovo fatto la barba e profumava di bagnoschiuma all’eucalipto. Giacca e cravatta, un costosissimo paltò alla moda, ci aveva riuniti nella proprietà di una vecchia novantenne che ai rovi e ai fichi d’india l’aveva abbandonata.

[31] Lì, sul tavolo di marmo, che si sgretolava a ridosso della villa ottocentesca, batté il possente pugno, sentenziando la morte per coloro che, per quanto solo indirettamente implicati nei nostri giri, non erano stati denunciati dal traditore che forse, con questo comportamento, aveva erroneamente inteso proteggerli.

Questa volta non delegammo nessuno e, ottenuto il permesso dalla cupola, irrompemmo in casa di Cosma, dopo averla osservata per giorni, quando fummo certi di trovarvi dentro tutti gli insulsi abitanti. Li trucidammo a colpi di coltelli e di trapano a uno a uno, dal più vecchio al più giovane, facendo vedere agli altri la morte dei cari che aspettava anche loro.

[32] Io non avevo mai agito con tanta crudeltà, non avevo visto tanto sangue in una volta, non mi ero mai sentito tanto demonio, ma sotto gli occhi infuriati e frustrati del mio capo-mandamento ogni goccia che stillava era una conquista, il premio la soddisfazione della vendetta. Esseri umani senza colpa, inconsapevoli, gente qualsiasi… ma indissolubilmente legata a colui che aveva indotto all’uccisione dei nostri fratelli e che a tempo debito avrebbe poi subito la nostra condanna.

[33]Non c’erano più regole di fronte a un affronto simile, neanche il rispetto per il dolore di un ragazzino che vedeva con i propri occhi la morte violenta del genitore, neanche la pietà  per  i  più imberbi.

E Cosma… il mio Cosma… quantunque fosse il più piccolo dei tre maschi, differentemente dagli altri due che piangevano disperati e chiedevano pietà, forse perché più coscienti di ciò che accadeva, forse perché meno coraggiosi, Cosma, di soli otto anni, appena tornato da scuola con indosso ancora il grembiule, teneva in silenzio lo sguardo sbarrato sul boss con un’espressione d’immenso odio e fierezza, nonostante a sporcarsi le mani non fosse stato lui personalmente,  nonostante non avesse aperto bocca per dare gli ordini che erano stati già precedentemente impartiti, nonostante non avesse rifilato un solo ceffone. Fissava il boss, sapendo  perfettamente  che  fosse  lui  a tirare i fili della carneficina… e quello se ne era accorto.

[34] Si avvicinò a lui, ai suoi occhi  grandi che non vacillarono, alla sua pelle asciutta e indomita, al mio pugnale che mi strappò di mano, e disse: “Adesso tocca a te. Sei pronto?”

[35] Io rimasi stravolto, allucinato al cospetto del ragazzino che, non soltanto non si rimpiccioliva, ma addirittura alzava la testa di fronte alla morte, di fronte a un individuo che intimoriva il più selvaggio dei carnefici e che domava i cavalli con un solo
sguardo, fui travolto, affascinato, perché non mosse un dito, un sopracciglio, neanche quando il capo avvicinò  la  lama  alla  sua gola. E giuro che, davvero, non avevo mai visto nessuno al mondo non tremare al cospetto di lui, della sua stazza di oltre due metri, dei lineamenti duri e spietati; giuro che neanche io, così bestiale e indomito, ero rimasto indifferente al terrore che incuteva un uomo capace di ottenere il comando senza alcun gesto di minaccia, un uomo che, le poche volte in cui alzava l’arma, sottometteva chiunque con un sol colpo, un uomo che più tardi, anziano, da solo avrebbe sconfitto e umiliato il giovane e vigoroso Alessandro Martino, che per sua fortuna, era stato eccezionalmente risparmiato e costretto a obbedire.

[36] Cosma era di una pasta diversa.

E non abbassò gli occhi, non emise un solo sospiro  di  sollievo,  non deglutì neanche, quando il Rappresentante ebbe allontanato la lama da lui per lasciare la camera, guardandomi bieco.

“Pietro, tu farai di lui un uomo,” disse semplicemente.

[37] Allevare il figlio di colui che hai eliminato è come avere una serpe in seno; insegnargli le regole del gioco sembra impossibile. Ma Cosma ha imparato bene ed è comunque sempre a vista. Non sgarrerà mai: il mio piccolo non tradirà e il capo morirà di morte naturale. Altrimenti tradirà e il capo morirà per mano della persona che lui stesso ha voluto vivesse, forse per scegliere personalmente il proprio meritevole uccisore e successore.

Non è stato triste né annichilente insegnare le arti della tortura, del combattimento, delle armi da taglio e da fuoco a un fanciullo sveglio e volenteroso come quello.

[38] In lunghi anni di lavoro e di studio l’ho fatto diventare perfetto, gli ho insegnato a raccogliere le energie e a esploderle fuori, a controllare le proprie emozioni per scaricarle nei colpi inferti, a governare la disciplina, ma anche a occuparsi delle arti culturali con costanza e determinazione e alla fine è diventato una perfetta macchina da guerra, uno stratega intelligente e preciso, un genio del male.

Ma nessuno è perfetto, neanche la mia grande creatura Cosma.

Infatti, malgrado il suo bere troppo non ne  avesse  mai  intaccato l’efficienza durante il lavoro, visto che tornava in un attimo sobrio, in caso di emergenza; malgrado fosse sembrato indistruttibile, inarrestabile, intimoribile… adesso qualcosa è cambiata, provocando un immenso vuoto nella nostra organizzazione.

[39] Non so cosa sia stato, ma Cosma ha perso ogni barlume di dignità: ora dà in escandescenze, piange, grida, perde il controllo… tiene discorsi illogici e sconnessi! Non può, non deve continuare così, anche soltanto perché la nostra famiglia è l’ultima che crede ancora nei vecchi principi di Cosa Nostra. Noi dobbiamo rimanere sani e forti.

Domando scusa e chiedo perdono. Perché, prete? Perché? Perché Cosma sta tanto male? Sei qui per scoprirlo, sei qui per guarirlo. Salvalo, te lo ordino! E se sei un fanfarone, se non ci riuscirai… guai a te: morirai con lui!»

 

[continua nella prossima puntata….]

*

Se ti sei perso i numeri precedenti, clicca QUI per l’indice completo delle puntate.

Clicca QUI per cominciare dalla prima.