Tre poesie

 

UGGHIA DI PIGNU OPPURU NZIT’Ê PORCU?

Veni currennu d’unni allippa chiova
sta malanòva di lu sperciasài …
tu ca sai tuttu quannu apri vucca
m’ha diri e m’ha spieggari quali ventu
stocca l’arbulu vecchiu quannu sciusscia
unni s’aggiucc’a cucca ‘a sir’a ttruscia
si è libbìci o ricàli si è punenti
si vveni di sciroccu o tramuntàna
si è scarafùni e figghiu di bbuttana
o è prudenti com’u maistrali.
Tu sulu, tu c’addevi zzicch’i cani,
tu ca ti susi pp’arrubbàri ’u pani,
tu ca soni chitarri e minnulini
tu facc’i culu cchiù ca sia’n salvini,
tu mi l’ha diri sidd’è nzit’ê porcu
o ugghia ê pignu tutta ‘sta maggia
di prummisi pp’u votu a pani e pisci …
O tu m’u dici o malanov’a ttia
votu non ti ni dugnu, mancu mortu.

 

Giunge di corsa da dove pianta chiodi / questo malfare del frangi canali …/ tu che sai tutto quando apri bocca (per parlare)/ mi dovrai dire e mi dovrai spiegare quale vento/ piega l’albero antico quando soffia / dove s’annida l’assiòlo di sera acciambellato / se è libeccio o grecale se è ponente / se viene da scirocco o da tramonta / se è delinquente e figlio di puttana / o è prudente come il maestrale. / Solo tu che nutri zecche di cani / tu che ti alzi dal letto per rubare il pane , / tu che suoni chitarre e mandolini, / tu faccia di culo più di quel salvini / tu me lo devi dire se è setola di porco/ o ago di pino tutta questa magìa / di promesse elettorali a pani e pesci … / O tu me lo dici o male per te / non ti darò il voto nemmeno se muori.

 

CURRULUNDINA

Unni crisceva àutu ‘u frummentu
tra Ramacca, Giummarra e Aidone
sinu a Malaricòta e Mazzarinu
‘u celu ‘i maggiu era sempri chinu
di canti di carannuli.
E c’era n’orchestrina
ccu l’ali aperti a uso mpiccicàta
tra celu e terra comu ‘nta ‘n disignu
‘na cappiddìna
ntisa accussì pp’u so’ tuppu di pinni
ma u nnomu veru so’è Currulundina.
C’era comu ‘n miraculu e cantava.

Currulundina mia ca canti e curri
ca si na ggioia e si’ l’orchestra mia
ti vulissi ccu mia d’intra ‘na turri
unni mancu lu ventu cci furrìa.
Ti vulissi ppi séntiri a to’ vuci
ppi séntiri ‘u profumu d’a to’ peddi
ppi stari all’umbra d’i to’ occhi beddi
e fariti carizzi notti e jornu.
Currulundina gioia d’u me’ cori
tutti li cosi to’ sunu trisòri
si’ tu ‘a sula patruna d’u me’ cori.

 

SUGNU CA MANCU TEGNU
(Littra a ‘n amicu ca mi voli bbeni)

Sugnu ca mancu tegnu porci appisi
figghi parrìni di l’usanzi antichi
sugnu ca mancu tegnu certi mprisi
ca fanu sordi a lilliri e putìa
sugnu ccu ‘n pass’attìa ca si ti vidu
ti cridu pup’i pezza e passu avanti,
amicu tu? Tu si’ u me’ paladinu?
Ma voff’anculu, cangiulu ‘stu discu
tu si’ di chiddi sempri misi ô friscu
ppi sparari a cu passa
iu non parru di tia né già ti pensu
haiu boni riôrdi e m’i cautelu …
m’attìa cu cazz’i notti tu fa fari
a mentiri lu pizzu avant’u furnu?
Sintissi, lei parràu di Mariu Grassu…
ma u sapi ca u canusciu di ‘na vita?
Mi pubblicau tri libbri …
E ‘n sutta-‘n-sutta u vissicanti ‘i chiummu
ca iu dicu picchì? Lassimi stari,
iu non ti pensu e tu non mi chiamàri,
lassimi unni sugnu, beddu miu,
a mmuru vasciu ca ti spuni o scuru
supra di mia. Pirchì?
Non mi ‘nghitàri scordit’u me’ nomu
sulu accussì parrànn’ i paladinu
tu non ci si ma pari ‘n galant’omu!