U bballu ppi fari chioviri

 

(Dedicata a Francesco Foti)

Dicu – assarbannu i pùlici – ca semu
tutti granni ppi mmeriti di testa
è tutto n calascinni
n mircatu
n jornu ‘i festa
tutti apparamu ’a mafia
tutti a cuteddu a mmanu
abballamu ca chiovi
’stu ballu a pisciacelu
ma sempri senza umbrella
c’arripara a cajella.
Poi u mmernu a ccelu limpiu
ni fa truvari ’u jelu.
Navi, siquestri, giuvini,
cci mancunu i pumpèri
di quantu semu focu
ppi sta pignata china.
E a mafia? cucina
’npiatta e servi a tavula
unni mangiamu tutti
cc’u ’n guvernu di cessu
ca ntrumma e si ni futti

 
LA DANZA DELLA PIOGGIA
Affermo – fatta eccezione per le pulci – che siamo / tutti grandi per meriti di mente / è tutto
un saliscendi / un mercato / un giorno di baldoria / tutti a sbarrare il passo alla mafia / tutti
con coltello in mano /danziamo affinché piova / questa danza propiziatoria per la pioggia /
tuttavia privi d’ombrello / che ci ripari la pelle. / Poi d’inverno il cielo limpido / ci fa trovare
tutto gelato. / Navi, sequestri di beni, giovani, / mancano solo i pompieri / stando a quanto
siamo in fiamme / per questa pentola piena. / E la mafia? Essa cucina / scodella e serve
a tavola / dove tutti sediamo per mangiare / con un governo da latrina / che sbevazza
e se ne fotte.

Print Friendly, PDF & Email