Menzuiornu di lugliu

Nta ‘stu menzuiornu di focu
restunu li torcifìla
a cèrniri ucchiàti sarvàggi
‘ntra ‘nchiusi sdisulàti,
restunu tra li sorchi di li timpi
iaddimùsi di pànticiu
e pràini ‘ssiccumàti…
E lu iarzùni di lu picuràru
frisca la sampùgna
a pècuri ca sònnunu
erba frisca e carrùggi d’acqua duci…
Ora la serpi è fatta ballarina
di ‘stu suli ca trasi
e pèrcia li sciàri; ora
‘na rosa di ventu po’ ‘bbacàri
‘na pena di calùri,
lu sangu ‘ntrignu di lu pettu.
E mi priccùla la stizzèra amara
di ‘stu silenziu
comu avissi ‘na facci di morti
comu fussi ‘na spata di feli.
Evi iocu di l’anima
dda palumma ianca
supra l’alivu stortu
di la pitrèra.

MEZZOGIORNO DI LUGLIO. In questo mezzogiorno infuocato / restano le poiane / a vagliare occhiate selvagge / dentro terreni desolati, / restano tra i terrazzamenti delle timpe / lucertole affannate / e perastri inariditi… / E il garzone del pecoraio / suona la zampogna / alle pecore che sognano / erba verde e ruscelli d’acqua dolce…/ Ora la serpe è matura danzatrice / di questo sole che irrompe / e perfora le sciare; ora / uno spiro di vento può alleviare / un patimento di calore,  / il sangue compatto del petto. / E mi percola lo stillicidio amaro / di questo silenzio / come avesse una faccia di morte /come fosse una spada di fiele. / È gioco dell’anima / quella colomba bianca / sopra l’ulivo contorto / della pietraia.

Pippo Mazza