Latti di sirpenti

 

Sugnu sgroppu di viti-ciàula
e u sai cchi è ca mi penni?
Mi penni ca – mha’cridiri –
su’tempi di serpenti.
Tu non sai quantu cani
si cunnuciunu sutta stu zzuccu
e pisciunu ciarannu s’assicutunu
nfutunu abbaiunu
e tra iddi s’inculunu a pinnenti
a usu ggentilomini
prudenti ncravattati.
Iu ca sugnu sgroppu e vardu
mutu rridu picchì sacciu
ca sti cani non sanu ca iu sacciu.
… fussiru sulu i cani…
……..
Chiovi latt’i sirpenti ora d’u celu
ma cchiù non cc’è lammìcu ca ’u rricogghi
a Trizza i scogghi sutt’i faragghiuni
addivintaru janchi com’a tuma

 

***
Sono spuntone di vite-civetta / e sai cosa mi cresce? / Mi cresce che – devi credermi – sono tempi
di serpenti. / Tu non hai idea di quanti cani / s’intrattengono sotto questo tronco / e orinano fiutando
s’inseguono / ringhiano abbaiano / e tra essi s’inculano a bilancia / uso gentiluomini/ prudenti
incravattati. / Io che sono spuntone e osservo / muto me la rido perché so / che questi cani non sanno
che io so …./ e fossero solo i cani … / Adesso dal cielo piove latte di serpenti / ma ormai non c’è
alambicco che lo raccolga / ad Acitrezza gli scogli sotto i faraglioni / sono divenuti bianchi come tuma.

 

Print Friendly, PDF & Email