Ianu

Ianu

                                  a Sebastiano Aglieco

Ti ricu subbitu ca ti voju bbeni

e tu ‘u sai ca iù ti voju bbeni,

picchì macari tu apparteni a ‘stu munnu

disgraziatu. ‘Sta vota ti voju scriviri

‘na littira, ‘a passata tâ cuntu

n’autra vota, lassàmila ‘o sa postu,

‘a chitraglia. Ci nn’è ca ppi nun sapiri

né leggiri né scriviri, na bagattela

e ci passa subbitu ‘u scantu.

Chi speci ri vestii sunu, chisti?

Armaluzzi nustrali o bbabbalucciuni

ri isterna?

 

‘Na vota, ‘a scola media, m’anfilai

tra ‘na casa e n’autra, ‘o scalunazzu:

ci passa tra sì e no n’ criaturu,

e iù ogni tantu mi ci vaju fricannu,

ca sunu nniminagghi o aummarei.

 

Sirausa di Sciurtinu è a ‘npassu

ppi ccu ci voli iri a peri;

attaccamini i scarpi stritti

e partemu, jettamuni l’anchi ‘n cotru:

Sirausa è nno cc’è,

Sirausa fuma tranti,

Sirausa ha scanciatu ‘a notti

cco Carnalivali.

E commu si ‘n feti a Grazziella

ca mischina è fatta stari

‘na cannila squagghiata,

niura ‘a pecura câ ddari ‘a lana.

 

SEBASTIANO: Ti dico subito che ti voglio bene / e tu lo sai che ti voglio bene, / perché anche tu appartieni a questo mondo / disgraziato. Questa volta ti voglio scrivere / una lettera, la recensione te le scrivo / un’altra volta, lasciamolo al suo posto, / l’armamentario (critico). Molti per una questione / di opportunità, si vendono / per nulla e vivono tranquilli. / Che specie di bestie sono, queste? / Animali nostrani o poveri / sempliciotti? // Una volta, frequentavo ancora la scuola media, mi sono infilato / nell’intercapedine tra due case, nella zona scalunazzu: / c’è spazio appena sufficiente per un bambino, / e io quando posso ci ritorno / che si tratti d’indovinelli o litanie alla madonna. // Siracusa è a un passo da Sortino / per chi ci vuole andare a piedi; / allacciamoci bene le scarpe / e partiamo, mettiamoci di buona lena: / Siracusa è al suo culmine, / Siracusa fuma con arroganza, / Siracusa ha scambiato la notte / con il carnevale. / Ma non vi accorgete in che stato è la Graziella / che miserabile è ridotta / una candela squagliata, / povera la pecora che deve dare la lana.

MASSIMILIANO MAGNANO