Due traduzioni da Vincenzo Bonaviri

tratte da O corpo sospiroso
(Milano, Biblioteca universale Rizzoli, 1982)

Dedica

A mio padre
che nel nulla morto è atomi
e lumelle, e girar d’abissi

A me patri
ca mottu è nenti
luciùzzi, cosi nnichi
giramèntu ri testa.

*

Raccolta di chiocciole

Dopo che piovve abbondantissimamente
sull’altopiano in sassi crisopazi
e cantò la civetta dall’albero millicucco,
i due ragazzi e le tre bambine
andarono in cerca –  con lumelli
di luna nel paniere –
di chiocciole, lumachelle e grilli.
Orlando giovane paladino errante
addormentato nella casa
per la finestrella mandava fortissimo
lo scintillo delle armi. La madre
dei ragazzi per l’aperta campagna
già in sera pregava la terra
e l’onnipotente dio Macone.

A babbalùci

Addòpu c’asdurrubbàu iàqqua
supr’a cchianàta ri petri virdìgni
e piuliàu a pìula ro millicùccu
ddui carùsi màsculi e tri figghiòli fìmmini
ciccàunu, – cu lucìddi
ri luna nno panàru –
abbalùci, munachìni, arìddi.
Orlàndu, carùsu senz’abbèntu
addummisciùtu nna so casa
ra finistrùzza, fotti ammuttàva
i svampi avvampàti re so vistìni. A matri
re carùsi mmenzu a campàgna
ggià ri sira priiàva a sso matri terra
e l’onniputènti ddiu re maiarìi.

                           traduzione a cura di Sebastiano Aglieco