Focu friddu a Catania

 

Succcessi c’a Catania attruvaru ‘a rizzetta d’u focu
Sutta ’n curmu di ‘n vecchiu malazzèni d’a Civita ô furrìu
a ducentu metri di l’archi d’a marina
a furtunata fu Nin’a d’i Frischi, ca nt’u circàri ova taddarita
truvau ‘n nidu di surgi nt’u purtusu d’a part’i jusu d’unni cc’er ‘u curmu.
Vosi cas’i furtuna c’arrunzannu tavuli vecchi e pila di cavaddu
Nina visti na lanna arruggiatizza. – “Chista è ‘na cosa mia” dissi ‘nframatica,
e subbito nisciu, tra focu e fetu, chiddu ca fu ca è
ca tutti n’abbrusciamu si ssemu a frica-frica- ‘i caliatùri,
e cu è ca u sapi mi non tocca ‘i sciùri!
Poi a cosa si sappi: era rizzetta di comu p’addumàri na cannìla
cci voli petra supra petra e sciatu ca ppi sciusciàllu s’ha’ pigghiàri çiatu.

 

FUOCO FREDDO A CATANIA – E’ accaduto che a Catania hanno trovato la formula del fuoco / sotto il colmo d’un antico deposito alla Civita parte periferica / a duecento metri dagli Archi della Marina/ la fortunata è stata Nina dei Freschi, che nel cercare uova di pipistrella / aveva trovato un nido di topi nel cavo della porta di levante rispetto alla ubicazione del colmo./ La fortuna aveva voluto che spingendo vecchie tavole e peli di cavallo / Nina scorgesse una lamiera arrugginita – “Questa è cosa per me” disse tra sé e sé, / e nello stesso momento venne fuori tra fuoco e puteolenze quello che è stato e che è / infatti tutti ci si brucia se ci collochiamo accosto al fornello del caldarrostaio / e chi ne è a conoscenza si astenga dal toccare fiori! / Poi il fatto venne risaputo ed era la formula di come per accendere una candela / occorre pietra contro pietra e fiato che per soffiarlo si deve riprendere fiato.

 

uomo-fuoco

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email