Tri ficùri

* tre icone

Mmastiànu

                                   Unni carìsti?
A Ràula o a Milìddi?
Scinnìunu i nuri, sbattènnu i cannìli
supr’o chianu, san ‘Mmastiànu
cantàunu, servo del Signore, patrùni
ri tutt’i pesti, lìbbirici cu stu nastru, cu
stu russu alliàtu, attaccàtu o sciancu.

Chisti èrunu i canzùni, a sdurrubbùni
e u celu ‘nfucàva
e si spasciàva u sciatu
e si rapìva a peddi
si scuzzuliàva a terra
si sciucàva a ucca
si ‘nchiavàvunu l’occhi
si ni futtìvunu tutt’i sensi.

SebastianoScendevano i nudi, sbattendo le candele/sul sagrato, san Sebastiano/cantavano, servo del Signore, padrone/di tutte le pesti, liberaci con questo nastro, con/questo rosso alleato, legato al fianco.//Queste erano le canzoni, nel precipizio/e il cielo infuocava,/e si rompeva il fiato/e si apriva la pelle/si sgretolava la terra/la bocca si seccava/si serravano gli occhi/se ne fottevano tutti i sensi.

Matri njura

Chiama ra ‘n fossu, nu ruppu ri
tammùru ca ‘nfùnnica u sancu
ti fa vèniri ri sciancu e i to
manu m’abbràncicunu.
Veni versu a mmia
ràpiti na strata nna l’occhi
nno chiantu scuru re ucchi.
Njura, comu ti visti, comu nun
ti chiancji; stiddàta.
I frazzi sèntunu u pisu
i nnomi s’ammùccunu cu chiama.
Chisti fùrunu i spadi: bestèmmji ca
‘ncùcciunu petra e celu.
                                    Assisi, 27/03/2005

 Madre neraChiama da un fosso, un groppo di/tamburo che sprofonda il sangue/giungi dal fianco e le tue/mani mi afferrano./Vienimi incontro/apriti una strada negli occhi/nel pianto scuro delle bocche./Nera, come ti vidi, come non/ti piansi, stellata./Le braccia sentono il peso/i nomi divorano chi chiama./Queste furono le spade: bestemmie che/spaccano pietra e cielo.

 

Tondo Doni

Ora, pi ttia, si rapi a ucca e u chiantu
finìu supra a petra u sancu
si lassànu sduacàri i sciumi
si chiurènu l’occhi
si spalancànu i potti supr’e baccùni.
Lassa ròmmiri u tempu, a ucca
c’è ‘n sonu amàru c’astùta l’occhi
ammiscài tutti i lingui
a natura ra matri e re so minni.
‘Ncucciàtu, cu na petra scura
i nuri, rarrèri, ca s’appòggiunu e scianchi
e ravànti c’è na matri, ‘m patri, e ‘m piccirìddu.
Si vota rarrèri a matri, tutta anturciàta
p’abbruciàri i manu, pi dari sensu o patri.
Làssimi e fogghi sicchi, all’occhi mmucciàti
spidduti rintr’a terra.
Làssimi passàri unni u ventu s’astùta
e tu divènti trasparènti, e tu nun si chiù nenti.

Tondo DoniOra, per te, si apre la bocca e il pianto/finì sulla pietra il sangue/si lasciarono svuotare i fiumi/si chiusero gli occhi/si spalancarono le porte sopra i balconi./Lascia che il tempo dorma, la bocca/c’è un suono amaro che spegne gli occhi/mischiai tutte le lingue/la natura della madre e del suo petto./In urto, contro la pietra oscura/i nudi, dietro, che si appoggiano ai fianchi/e davanti una madre, un padre e un bambino./La madre si torce dietro/per bruciare le mani, per dare senso al padre./Lasciami alle foglie secche, agli occhi nascosti/sperduti nella terra./Lasciami passare dove il vento si spegne/e tu diventi trasparente, e tu non sei più nessuno.

Sebastiano Aglieco

                                                                                  (poesie tratte da  COMPITU RE VIVI, Il ponte del sale, Rovigo, 2013)