Sparacanaci

Picchì sparacanaci e non trigghiòla?
Don Cola ca vannìa
nt’a piscaria ’i Catania
n’a vuccirìa ’i Palermo,
unni cc’è pisci friscu o d’u papùri.
Cosa di nenti ppi cu lu vannìa
ca po’ significari ‘u dittu anticu:
Ogni pisci di lu mari
è distinatu a cu si l’ha’ mangiari
Furbu cu sapi ’u jocu: si n’arridi
e chiama autru pruverbiu sicilianu:
N’aprili favi chini
ma si non veni maju non nni cucini”.

Sparacanaci: Perché sparacanaci e non trigliola? / Don Cola che bandizza / nella pescheria di Catania / nella vucceria di Palermo, / dove c’è pesce sia fresco che arrivato (dentro frigoriferi) col piroscafo / Roba da nulla per chi la bandizza / che può avere per significato l’antico detto. / “Ogni pesce del mare / è destinato a chi dovrà mangiarlo”. / Furbo chi conosce il segreto: se ne ride / e invoca un altro proverbio siciliano: “In aprile baccelli di fave pieni / ma se prima non sarà maggio non cucinarne”

Turi d’a Rràsula