Piste ciclabili

 

Morto Fidel Castro Cuba in perverso incastro.
Le feste cominciano quando finisce la festa.
Bakù, quello della samba 1970, era lo stregone di Visnù.
Il Babalusco risiedeva di norma sulle pendici dello Zebrabianca.
Nuovi studi sui nonsense del sensitivo.
Il Pappagallo: “Oddìo! tutti che fanno schifo, meno io”.
I pupi alti ingaggiati e ben pagati.
La sfavillante cadillac di Rodolfo Metacane.
Cinque cavalieri al bivio fermi con i loro vaporosi cavalli.
Erroneamente, alle idi d’ottobre, aveva scritto Capeto.
Anche Barabba era figlio di Dio?
Passano i giorni e gli anni, tutti in groppa ai pidocchi.
Discendenti di Cesare Augusto per parte materna dello zio abate (ante litteram).
La scimmia di Caltagirone denuncia mali di vecchiaia.
L’eremìta, la foresta, i piedi e la testa.
Folaghe e svassi del lago di Como in frac.
Il fruttivendolo e la ballerina alla prova del nove.
Cavaletti di Bordighiera al festival dell’alta cultura a Catania.
Il basso ceto dell’Alto Adige.
I versi di Bacco scoperti a Marsala da un poeta locale in una grotta in riva al mare.

 

cuba

 

 

Print Friendly, PDF & Email