Nt’u nidu d’i cardiddi

 

M’abbasta n bicchireddu ’i pistammùtta
ppi nnésciri d’a ’rutta, ppi vulàri
supra arbuli e nidi di cardiddi
vulàri middi-middi, senza rrutta

sugnu malacunnùtta e cci haiu l’ali.
Cu è ca torna?
Arreri non si torna
cci su’ sempri jurnati d’acqu’ê celu
e libbiciàti
ca cci scucchiun’i rrami ê minicucca
ma nuddu sapi unni s’aggiùcca a cucca.
Iu camìnu ncruccàtu comu n àmmiru
e u ventu ‘mabbulau pinsèri e coppula
s’i purtau nt’u nidu d’i cardiddi…
……..erunu i me’capiddi ddi pinseri
vulàru macari iddi e a me’ testa
fuj d’u friddu e cerca fantasii
non cci havi piddu di turnari arrèri
s’annèa nt’a n bicchieri ’i pistammùtta
ppi nnèsciri d’a rrutta d’u turnàri.
 

NEL NIDO DEI CARDELLINIMi basta un bicchiere di vino rosso /
per finire fuori rotta  volare / su alberi e nidi di cardellini /
volare senza mete e direzioni…! sono indisciplinato e ho le ali. /
Chi è che torna?  / Indietro non si torna / capitano sempre giornate di piogge a cieli
aperti / e tempeste di libeccio / che staccano i rami dei bagolari / ma nessuno sa dove
dorme il barbagianni. / Io cammino incurvato come un gambero / il vento mi ha
scippato di pensieri e copricapo / se li è portati dietro fino al nido dei cardellini / ed
erano i miei capelli quei pensieri / sono volati via anch’essi e la mia testa / fugge
dal freddo cerca fantasie / non ha voglia di tornare indietro / annega in un bicchiere
di vino rosso / per andare fuori rotta e non tornare.
 

 

NOTAPistammutta: letteralmente “pigia e spingi” (pista – ammutta); ma
non sarebbe errata altra interpretazione se “ammutta” venisse letto
come “imbotta” (metti in botte). Pistammutta è l’esito di un mosto
che passa dalla pigiatura alla botte, senza aspettare che avvenga la
fermentazione. Un vino particolarmente delizioso che gli agricoltori (una volta)
riservavano al consumo della propria famiglia.
Cardiddu: il siciliano dice “Pari n cardiddu” a chi si dimostra agile
e in buona salute. Cardiddu in siciliano è simbolo di giovinezza, come la
rosa di freschezza: “frisca comu n’a rrosa e vispu comu ‘n cardiddu”.

 

Print Friendly, PDF & Email