Vinnituri ‘i parori

foto di Flora Westbrook

Si all’umbbra ô scuru‘ncontri a uû
chi mutta fumu cc’a stanga
e cci nni jungi cc’a junta.
senza scartari para e ccucchiara,
èvi ‘n pueta o ‘n pazzu,
comu si dicci a Rannazzu
ri ‘n piezzu e ‘n morzu.
Dumannacci chi si nni fa
ccu tutti ‘sti parori.
Sdillirìa? ‘I scangia ccu ttia?
O ‘i vuori vinniri a cu nun nni vuori?
Comu si nun fussi lira
chi chiui nun cicurìa,
sempri bannìa ê quattru canti
r’ogni vaîella e via.

Venditore di parole

Se al crepuscolo incontri a uno / che sospinge fumo con il rastrello / e gliene aggiunge una quantità presa con le mani a conca / senza distinguere tra pala e cucchiaio, / è un poeta o un pazzo, / noto a Randazzo / da un bel po’ ed oltre. / Domandagli che se ne fa / con tutte queste parole. / Delira? Le scambia con te? / O le vuole vendere a chi non ne vuole? / Come se non fosse lira / che più non circola, /sempre urla ai crocevia / di ogni vicolo e via.

 Marisa Liseo