Littri r’amuri

Littri r’amuri

Si mmi mannassi littri r’amuri
cch’i sciuri ri ‘sta primmavera
i’ putissi taccari ‘nd’a l’arma
ccu ‘n firu a ntrizzaturi
pi dari cururi intra ogni ddata
ô sciusciu ri ‘n cuori nisciutu
r’u piettu sutta forma ‘i parori.
Ma s‘u provassi a spugghiari
‘llu cuori si nni issi ‘mpazzutu
‘ndo ‘n suru miûtu, pieri pieri,
ccu maî e pieri strugghiuti
pi strati ‘straî e scaûsciuti
chi nun si ‘rrennuû â sorti
ri ‘n amuri senza cunnorti,
com’i muraruvetti ‘nda l’orti chiî ‘i spiî
nni ccugghissi ‘ntra ‘i sgrangiatiî ‘i vita.

Lettere d’amore – Se mi mandassi lettere d’amore / con i fiori di questa primavera / le potrei legare all’anima / con un filo a più intrecci / per dare colore dentro ogni data / al soffio di un cuore uscito / dal petto sotto forma di parole. / Ma se provassi a spogliarlo / quel cuore se ne andrebbe impazzito / in un solo minuto, dappertutto, / con mani e piedi sciolti / per strade estranee e sconosciute / che non si arrendono alla sorte / di un amore senza conforti, / come le more negli orti pieni di rovi / ne coglierei tra i graffi della vita.

(Catania, 03 – 09 maggio 2021)

L’incontro

Alla fine di un sogno incantevole
poesia del sole è la nostalgia
un nuovo risveglio, l’armonia antica
vestita dal bisbiglio del ricordo.
Non è il bisogno di un desiderio
né il sussurrare di un’illusione.
È l’occasione della tua presenza
cura mite delle mie ferite,
l’incontro accogliente della differenza,
l’ascolto delle parole che ho stretto
per non lasciarle andare nell’abietto
avvolgente dell’oscura impotenza.

                              (Catania, 24 – 30 maggio 2021)

                             Marisa Liseo