I cani su’ attaccati

 

Donna Cirasa!!! Ogni annu ‘sta signura
– ca è prufissura all’Università –
appremia a puisia ca idda sa.
Vulissi – Idda – scriviri autuliddu
pigghiannu piddu nta ‘n grossu giurnali
di chiddi ca cu i leggi havi cchiù sali,donna e cani
giurnali i chiddi ca su’ comu ‘n tempiu
u Curreri d’a Sira – per esempiu,
unni fa trumma a vuci d’i patruni,
ppi chistu nventa premi e primiuni…

Donna Cirasa è mastra di muluni
d’a scenza d’u tri oru-vinci e perdi,
è specialista d’ogghiu pp’i crispeddi
e fuma janchi d’ovu cotti ô suli.
Sapi u Ritturi quantu idda vali
e ppi non pruvucari autru ddannu
a fa nsignari sulu ‘n jornu all’annu…
e a manna a furriari munu-munnu,
tantu u stipendiu ppi Donna Cirasa
arriva rittu a bbanca e… finu a casa!
Cu voli tesi di sta prufissura
ha aviri patri e matri ammanicati
picchì Donna Cirasa i so’ surdati
i teni usu cani ncatinàti…
Amaru ntra nuatri siciliani
a cu non po’ attaccar’i tanti cani!!

 

Donna Cirasa!!! Ogni anno questa signora / che è professoressa all’Università / premia la poesia che sa lei quale. / Brama  – lei – di scrivere ai piani alti / riuscendo ad accreditarsi presso un grosso giornale / del genere che legge chi è più saggio / un giornale di quelli che sono già un tempio – Il Corriere della Sera, per esempio – Dove viene amplificata la voce di chi comanda / ecco perché inventa premi e superpremi…// Donna Cirasa è dotta sulle angurie / sulla scienza del tre oro vince tre oro perde / è specialista nel dar l’olio alle crispelle / e fuma bianchi d’uovo cotti al sole.  / Il rettore sa bene quanto vale Donna Cirasa / e per non procurare ulteriore danno / fa in modo che lei insegni un sol giorno all’anno / e le consente di girare per il mondo / tanto lo stipendio per Donna Cirasa / viene accreditato alla sua banca … gli arriva fino a casa!. / Chi volesse chiedere la tesi a questa professoressa / deve avere genitori potentissimi, influenti / perché Donna Cirasa i suoi pupi assoldati / li tiene incatenati come cani /… Emarginato chi  tra noi siciliani / non può tener a bada tanti cani!

(*) I cani legati. “I cani foru attaccati”, i cani sono stati incatenati, confida chi deve comunicare a qualcuno che può agire impunemente. I cani sono i “guardiani” e, in questo caso-metafora, sono le autorità preposte a far rispettare la legge, e anche quanti hanno il dovere di dar notizia, di informare. Ma come è stato possibile “incatenare” tali e tante autorità? Probabilmente chi esercita questo potere ha due mezzi: la complicità e il ricatto. Per il caso della Donna Cirasa di Turi d’a Rràsula, sembra siano le complicità che la protagonista riesce a crearsi elargendo premi letterari, promozioni e chissà quant’altro. La metafora allude, sicuramente, a esiti del costume d’altre epoche, così c’e da immaginare, infatti, nei nostri giorni di rigori e controlli, nessuna Donna Cirasa potrebbe consentirsi di disertare le lezioni e andare in giro da turista per il mondo e farsi i cavoli propri, quali che siano e poderose le protezioni di cui gode elargendo premi di poesia a potenti giornalisti  e promozioni a figli di papà.