Due acquerelli siciliani

TU CA STRISCI ‘U SAI

Haiu ‘n amico ca quannu mi vidi
si scoscia e si stracodda a far’inchini,
mancu si fussi iu lu papa ‘i Roma.
Ma cchi succedi – m’addumannu e dicu
– cchi rrazza d’omu si’ spizzatu ‘n dui
ca megghiu fussi si vidennu a mmia
facissi a mossa giusta di cu fui,
cangia strata non m’ha ncuntrari mai.
Ma a vita è chista e tu ca strisci sai
ca cu havi cchiù ficatu havi guai.

 

RISPOSTA A DONNA TANA

Di quanto stu lunariu è mmidiatu
mancu si fussi lardu di maiali
cu su fa frittu cu cci menti sali,
cu ci veni ‘n sintòmo di carina.
L’atra sira mi dissi a mo’ vicina:

Ma scusassi picchì tutta sta frevi?
Cchi mali c’è si uno nt’a so’ casa
chianta ‘n pedi ‘i cirasa o di banana?

No, non è chistu cara donna Tana,
è ca cu soffri di vaddira cci pisa
macari u velu di na sicaretta,
e capita ca c’è cu sputa e jetta
ppi ddibulizza ‘i stomucu o di schina.
C’è ggenti ca si susi ogni matìna
ppi diri ca cc’u suli senti friddu
e spissu scancia ‘n sceccu ppi ‘n cavaddu,
ggenti ca ti vulissi fari a quarti,
o ti vulissi cunnannatu a morti.
U Lunariu non c’entra… è a mo facci
è u mo cori ca d’unni passa scrusci
tisu ca sempri ha stato a mmenzu ê musci.

 

ipocrisia-e-invidia