Lignu di ficu

Laminteli senza fini
ppi piducchi e zzicch’i cani
ô sciugghitici a mannàta
a ‘sta cucchia di nzalata!
Cchi lingua parri? Cu si’ tu ca scrivi?
Ccomu pritenni d’essiri liggiùtu?
Ca statti mutu, n’abbaiari cchiù!
Mi scangiunu ppi cani si è ca parru
com’a me’ matri me’ patri  e me’ nannu,
cani sì, cci arrispunnu, ma ’uardianu
di ’n tisòro ca vali ’na muntagna
tutta d’oro ’nta munn’i chiummu e ntrita
nta na mannira ’i pecuri tusati
malati di putenza ma dijuni
di cirvellu e raggiuni.
Scusatimi si vvi sintiti affisi
ma chistu pensu e chistu stissu dicu:
addivintamu tutti lign’i ficu
ca non è bbonu mancu pp’abbruçiari.
Turi d’a Rràsula

LEGNO DI FICO Lamentele a non finire / per pidocchi e zecche di cani / andate a capire il riferimento / a tale coppia d’insalata! // Che razza di lingua parli? Chi sei tu che scrivi? / Come puoi pretendere di essere letto? / Orsù stattene muto non abbaiare più!/ Mi scambiano per cane se parlo / come mia madre, mio padre e mio nonno / cane, sì , rispondo loro, ma guardiano / di un tesoro che vale una montagna / tutta d’oro in un mondo di piombo e di nulla impacchettato / in questo recinto per pecore tosate / ammalate di potenza ma digiune / quanto a cervello e razionalità. / Scusatemi se vi sentite offesi / ma questo penso e questo stesso dico: / siamo diventati tutti legno di fico / che non serve nemmeno per bruciare.
01 / 02 / 2020