Vastìmmi… e lleviti

Strippa, picchì t’arròzzuli,
picchì mi talìi cu ‘ssocchi
ca pari ca nun mi talìunu
e cu ‘ssa ucca a mmenza ucca mi sparri,
ca pari ca nun mi stai sparrannu.
Picchì mi facisti pizzùtri pizzùtri
quannu iù era stricatu ‘nterra, lurdu
e addinucchiuni, picchì mi mannasti
vastìmmi e facisti schìggi.
Mi fa mmali ancora ‘a testa
e mi sguazzarìa, tu mi pigghiasti
‘a ‘ntrasarta, mancu m’a crirìva.
Ora mi ròli ‘u cori e mi trèmunu ‘i ginàgghi,
tu cchiuttòstu, fammi passari e lleviti,
nun ti marruggiàri: nenti sàcciu
e nenti iautru iàiu chi ricuminiàri.

Sterile, perché parli a vanvera, / perché mi guardi con codesti tuoi occhi / che sembra che non mi guardino / e con codesta tua bocca a mezza bocca mi sparli, / che sembra che tu non mi stia sparlando. / Perché mi hai fatto a pezzettini / quando io ero prostrato a terra, sporco / e inginocchiato, perché mi hai mandato / maledizioni e hai gridato. / Mi fa male ancora la testa / e mi rintrona. Mi hai preso / di sorpresa, non me l’aspettavo. / Ora mi duole il cuore e mi tremano le ginocchia, / tu piuttosto, fammi passare e levati di mezzo, / non ti dimenare: non so nulla / e nient’altro ho da rimuginare.

Massimiliano Magnano