U marruggiu d’u zappuni di Jaffiu Piluni

Furca e furcun’i furnu
scantiti Sariddu d’u focu ‘n punta
ca è già ‘n tizzùni.
M’arriòrdu di Jaffiu Piluni
quannu circava unn’era u sperciasài
ca cci mangiava i pampini e patàni:spada fuoco
S’u trovu ‘u zziccu ccu ‘n furcuni
attizzunatu ‘n punta.
Nfuriàtu Pilùni bistimiàva
pari c’av’a’ ddumari ammenz’e surca
ppi comu si sfuàva
e parrannu sulu nt’a facci russu
usu n tizzùni
sfurriava u marruggiu d’u zzappuni
a modu so’ ca era ddu mumentu
di sèntisi nt’e manu
a punta nfucatizza di ‘n furcùni.

 

 

 

 

 

***

Forca e forcone da forno / spaventati Saruccio del fuoco in punta / quando è già tizzone. / Mi sovviene di Alfio Pelone / quando smaniava in cerca del verme roditore / che mangiava la vegetazione delle patate: / se lo trovo lo infilzo con un forcone / rovente in punta./ Infuriato Pelone bestemmiava / e poteva sembrare sul punto di accendere il fuoco in mezzo ai solchi/ osservando come sfogava l’ira / e parlando a se stesso rosso in faccia/ come un tizzone / faceva roteare il manico della zappa / a suo modo immedesimandosi sul momento / fino a sentirsi tra le mani / la punta rovente di un forcone.