Tra amici e nnimici

RIN’Ê MARI

Dormi patedda ca lu ranciu vigghia

dormi e non ti nn’havìri a miravigghia

si a rrin’ê mari a corpu ti cummogghia

u fattu curri sutta d’u distinu

e tu non sai chiddu ca t’aspetta

è a storia d’aceddi e d’a scupetta

volunu vasci e fanu mala fini;

amaru a cu è vasciu nt’a sta vita

e tu patedda sutta lu gran scogghiu

radenti a spiaggia t’ammanteni vascia

e a rrina t’amminazza.

Rrina ’i mari accucchia e si fa muru

travagghia ô scuru e sciota d’intra l’acqua

arriva, non ti varda e tu non sai

cu t’affuca nt’u sonnu e ti cummogghia.

SABBIA MARINA- Dormi arsella che il granchio veglia / dormi e non avertene per stupore / se la sabbia marina  improvvisamente ti copre / il fenomeno muove all’ombra del destino / e tu  non saprai mai quello che ti aspetta / la medesima sorte degli uccelli e del fucile/ volano a bassa quota e finiscono male; / infelice chi si trova a bassa quota in questa vita / e tu, arsella, attaccata allo scoglio / accanto alla spiaggia ti mantieni in basso /e la sabbia ti minaccia. / La sabbia del mare s’accumula e si fa muro / lavora al buio e sciolta nell’acqua / sopraggiunge, non ti guarda e tu non sai / chi ti strozza nel sonno e ti seppellisce.

TRA AMICI E NNIMICI

Semu ca mancu c’è ppi tutti ’u quantu

fussi ricchizza fussi ’na miseria

sapèmu ca non è na cosa seria

’stu tiatru di pupi e mascarati

semu tutt’unu tutti sor’e frati

ma pp’u purtatu si perdi ’u parintatu:  

Vàrditi di l’amici, Marianu!

C’è scrittu ’nta purtùni a littri granni

tantu ca ogni vota ca cci passu

m’addumannu: cu è ’stu Marianu

ca s’ha’ vardàri di l’amici so’?

Mi chiamu Turi nomu ca è luntanu

d’i piriculi o trasi a fari cuntu

com’a diri ca è storia di tutti

comu sona u pruverbiu ‘taliànu?

Dai nemici mi guardo io

dagli amici mi guardi Dio!

TRA AMICI E NEMICISiamo che non esiste un quanto per tutti / sia ricchezza, sia miseria / sappiamo che non è una cosa seria / questo teatro di pupi e mascherati / siamo tutti uno, siamo sorelle e fratelli / ma per interessi perdiamo i legami di parentela.  / Guardati dagli amici, Mariano! / c’è scritto a lettere cubitali sopra un portone / tanto che ogni qualvolta passo (e leggo) mi chiedo: chi sarà questo Mariano / che deve guardarsi dai suoi amici?/ Io mi chiamo Turi un nome che è lontano / dai pericoli o entra a completare il conto / come a dire che è storia valida per tutti / come avverte il proverbio in italiano? / Dai nemici mi guardo io /dagli amici mi guardi Dio!

 

L’ANNU D’U SURGI

Pari favula ma è fattu veru

ca ’stu Dumil’e vinti è annu ’i surgi

unu dici paràmuci a lattèra

e sbagghia pirchì semu tutti a jocu

lassamulu addivertisi a circari

unn’è ’u furmaggiu!

Arrusicannu arrisica a so’ peddi

tra trapùli e vilènira putenti

poviru surgi ca non sapi nenti

di quanto ’u cchiù dannificu è l’omu

nta stu munnu d’armali mascarati

di genti bona cavaleri e dami.

Ora st’annu d’u surgi cu havi fami

arrisica ’i finiri nt’a lattèra.

L’ANNO DEL TOPO – Sembra favola ma è fatto vero / che questo Duemilaeventi è l’anno del Topo / uno dice prepariamoci con la trappola / e sbaglia perché siamo tutti in gioco / lasciamo che si diverta a cercare / dove  è il formaggio! /  Rosicchiando rischia la propria pelle / tra trappole e veleni potenti / povero topo, che non sa niente / di quanto il più dannifico è l’uomo / in questo mondo di animali mascherati / di brava gente, cavalieri e dame. Ora quest’anno del topo chi è affamato / rischia di finire in qualche trappola.

Turi d’a Rràsula