“Poeti” ai bagni

’U BBENI D’I CANI

Furba la ’gnura fu comu ’na vurpi

d’unni cu nn’appi-nn’appi e ddha canzuna

ca dici a tutti “si fìciru i pruna”.

Madonna mia cchi scantu, amici cari,

ppi cu è ca prima vinni e si ni ju

senza diri educatu “bbonasira”.

Diu sulu sapi cchi è ca cci mpaccàru

poviru cristu, ntantu si ni ju

e non sbattennu porta.

Unu dici: ma a mmia cu mi cci porta

a dari cumpagnia pp’a strata all’orbi?

a ffari cuppuluni pp’i carusi?

Mi dispiaci picchì su’cunfusi

l’animi persi ca iu vosi bbeni

comu a mmia tantu volunu li cani

speci si abbannunati a ffami e siti.

 

Il bene dei caniFurba come una volpe fu la signora / donde chi ha avuto ha avuto e quella canzone / che informa tutti sulla maturazione delle prugne. / Madonna mia quale spavento, amici cari, / per chi prima era venuto e se n’è andato /  senza dire da educato, “ buonasera” /. Dio solo sa cosa gli è stato impacchettato / povero cristo, intanto se n’è andato / e non sbattendo la porta. / Uno dice ma chi me lo fa fare / di accompagnare i ciechi per la strada / di creare copricapo per i ragazzetti? Mi dispiace perché sono confuse / le anime perdute cui ho voluto bene / come a me altrettanto lo vogliono i cani / specialmente quelli abbandonati affamati e assetati.

 

“POETI” Ô BBAGNU

Haiu amici pueti ca su’ chini

com’i rrizzi nt’a luna quan’è chinta

rrizzi di mari ccu ddhi spini scuri

ca pp’aprìlli c’u sapi su’ dulùri.

Chini ca si po’ diri comu l’ovu

ca sutt’a çiocca nasci ’n puddhicinu.

St’amici hanu talmenti ’u culu chinu

di puisia e di pìrita affucati

ca ogni annu appena arriva bbona ’a ’stati

culu sutt’acqua e profumunu ’u mari,

secunnu d’iddhi ca non fanu casu

ca ddhu profumu d’aria fa bbolla

nesci di l’acqua e affumica a cuntrata!

Ma su’ pueta e ognunu s’arrisciàta

ccu vucca spalancata e nasu chinu.

Poeti ai bagniHo amici poeti che sono pieni (di sé) / come i ricci nei giorni di luna piena / ricci di mare con quelle spine brune / che per aprirle chi se ne intende sa che procurano dolore. / Pieni che si può dire come l’uovo / che sotto le ali della chioccia fa nascere un pulcino. / Questi amici hanno il culo talmente pieno / di poesia e di scorregge compresse / che a ogni anno quando è piena estate / con il sedere sott’acqua profumano il mare, / secondo loro, perché non tengono conto / che quel profumo d’aria diviene bolla/ fuoriesce dall’acqua e inquina la contrada! Ma sono poeti e ciascuno di loro fiuta a sazio / a bocca spalancata e naso pieno.

 

Turi d’a Rràsula