Mara ‘a sbirra

CATINI E LIBBIRTÀ

Lassamu iri i cani cc’a catìna

c’abbaiunu a cu passa

lassàmu iri ’i porci e ’i santi ’n chianu

ca tutto è stranu nt’a ‘stu munnu ‘i vurpi;

lassamu iri i pisci, puvurazzi,

pirchì: ppi ogni pisci di lu mari

è distinatu cu si l’ha’ mangiari;

arresta l’omu di lassàri iri

ma comu e quannu n’u putemu diri

unn’am’a jri senza passaportu

si sul’aceddi vòluno a tutt’uri

ca su’ bannèri di la libbirtà

senza cunfini e ’i vozzi l’hanu chini

senza accattàri ’u cchi ô supermircatu,

senz’arrubbari ô dàrisi piccatu

iri ’n galera o finìri sparatu

propriu comu pp’aceddi ’i cacciaturi

c’ammazzunu cu vola ’n libbirtà.

CATENE E LIBERTÀ – Lasciamo liberi di andare i cani alla catena / che abbaiano a chi passa / lasciamo liberi i porci e i santi nelle piazze / perché tutto è strano in questo mondo di volpi; / lasciamo liberi i pesci, poveracci / perché: per ogni pesce del mare / è destinato chi lo dovrà mangiare;  / rimane l’uomo da lasciare libero /  ma come e quando non possiamo dirlo / dove potremo andare senza passaporto / se solo gli uccelli volano in ogni momento / e sono bandiere della liberta / senza confini e hanno le pance piene / senza comprare al supermercato l’indispensabile / senza rubare o darsi alle trasgressioni criminali / per finire in galera o, sparati / proprio come per gli uccelli vittime dei cacciatori / che uccidono chi vola in libertà.

MA QUALI PUTENZA È?

A storia d’i Cummàri

ca erunu cuntenti

nt’u trenu a mmenz’a ggenti

si sappi picchì fu.

Si sappi ma pp’u rrestu

putroppu non si dici

ca c’era Mar’a Sbirra

ccu ‘n gaddu e du’ pirnici;

aveva ggenti a ppranzu

ppi fistiggiari ‘nsemi

u çiaru di strunzu

ca fici Cartalemi

cc’a vutàta d’a facci

ô circulu d’i scemi.

U putìri di Mara

ppi quantu pirniciùsu

è comu ‘na quartàra

ca perdi di ‘n purtùsu.

Piccatu ca s’allitra

di wiski e vinu forti

e quannu chiudi ‘i porti

non sa’ chiddu ca fa.

Ma quali è a so’ putenza

ppi cui po’ rricattari

ggintuzza c’havi ficatu

e scem’a nuddu pari?

MA QUALE PUTENZA È? –  La storia delle comari / che erano contente / sul treno tra la gente / si seppe perché fu / Si seppe ma per il resto / purtroppo non si dice / che c’era Mara la Poliziotta / un gallo e due pernici, / aveva ospiti a pranzo / per festeggiare insieme / l’odore di escrementi / che ave va fatto Cartalemi / con il suo voltafaccia / al circolo degli scemi. / Il potere di Mara / per quanto dannifico / è come una quartara / che perde da una fenditura. / Purtroppo le si ubriaca abbondantemente / di wiski  e vino d’alta gadazione / e quando chiude le porte / non sa quello che gli capita di fare. / Ma qual è la sua potenza / tale da poterle far ricattare  / personcine che pur hanno fegato / e sceme non  sembrano ad alcuno?

MAR’A POLIZZIOTTA (*)

Mar’a sbirra nasciu a Letojanni

ma già quann’era ancora di sett’anni

ccu patri e matri stetti a Tarummina

unni tutt’ora abbita filici

ccu ’n curtigghiu di fimmini e d’amici

nt’a villa ca chiamau “Cirasa niura”.

La so’ fama fu paggin’i giurnali

quannu haveva nov’anni e fu scigliùta

d’u reggista Caloggiuru Minnàli

pp’a parti ppi daveru gginiali

di scimia di Tarzan.

E chistu fu ’u so’ lanciu e ’u capitali

pp’accattarisi a villa d’a cirasa.

Di tannu, havia trent’anni, fu chiamata

ppi ggirari ’nta ’n film americanu

cc’a parti di cu sgam’a vol’i merra;

ppi chistu cci arristau Mara la sbirra

e tutti a san’a ssentiri accusì.

Megghiu ’i scìmia di Tarzan comu prima,

ma d’u restu cchi diri? Ora è granni

e s’intiressa di pisci e di pirnici

di notti para rriti, di jornu si mutrìa

trazziannu cunsigghi nt’u curtigghiu

di fimmineddi c’a chiamunu zzia

e ddiriggi lu scarricu lucali

ccu l’autorità di ’na sultana:

“Tu ccu chiddu non ci ha parrari cchiù”;

“ Tu a ’sti rriuniuni non cci ha jri cchiù”;

“ Non non t’ha’ scurdari cc’a fattu iù ppi ttia

Viva Maria, ccu ’sti ggintuzzi bboni

idda disponi cchiù ca sia’n cunventu

non sunu centu ma occa dannu cc’è

ppi cu d’oggi a dumani trova strani

amici d’u so’ cori antich’i prova

c’arricattati di la Gran Maria

(Diu sulu sapi cchi cci ammanicau)

’ncontrati ’i facci ’n salutunu cchiù.

LA GRAN MARIA – Maria la poliziotta è nata a Leojanni / ma quando aveva sette anni / seguendo padre e madre abitò a Taormina / dove a tutt’oggi risiede felice /  con una piccola corte di donne e di amici / nella villa che ha denominato  “Cliegia nera”. /La sua fama ha riempito pagine di giornali / quando appena di nove anni venne prescelta / dal regista Calogero Minnale / per la parte di scimmia di Tarzan nel film eponimo./ Questo è stato il suo lancio e la resa economica di un capitale / con il quale comprò la villa del ciliegio. / Da allora trascorsero anni fin quando fu chiamata / per la parte della poliziotta / che scopre tutto a vol di merla / in un film americano; / da tale sua parte di attrice deriva l’alias di Mara la poliziotta / alias che le è rimasto / e tutti la riconoscono così. /Meglio che scimmia di Tarzan come  prima, / per il resto cosa dire?Ora si è fatta grande / e s’interessa di pesci e di pernici / di notte tesse reti e di giorno sta a oziare / imbastendo maldicenze e ordini drastici nel suo cortile / tra femminucce che la chiamano zia / e dirige gli sfoghi delle frustrazioni locali / con l’autorità di una sultana: “Tu con il tale non devi più parlare”; /  “Tu non devi più partecipare a quelle riunioni”;/ “Tu non devi dimenticare cosa ho fatto per te”. /Viva Maria, con questa gente semplice / Mara dispone più di quanto sia un convento / non sono in cento ma qualche danno c’è /  per chi dall’oggi al domani  / ritrova strani / gli  amici antichi del proprio cuore / che plagiati e ricattati della Gran Maria / (Dio solo sa cosa  di calunnioso ha potuto impacchettare loro) / incontrati faccia a faccia non salutano più.

 Turi d’a Rràsula

(*) I bozzetti satirici che Turi d’a Rràsula inventa per i lettori di Lunarionuovo, sappiamo e informiamo per espressa precisazione dell’Autore, non alludono ad alcuna persona del presente o del passato, perché sono esclusivamente frutto della sua fantasia di poeta, nostro collaboratore da sempre, pertanto ogni eventuale riferimento che si possa improbabilmente cogliere in questo suo bozzetto moralistico su una inesistente “Mar’a poliziotta” che aveva recitato nella parte di scimmia di Tarzan, deve ritenersi esclusivamente invenzione fantastica, senza alcuna possibilità di identificazione nella realtà sociale che in caso contrario sarebbe puramente casuale e comunque lontana da ogni intenzione dell’Autore.