Littri a Giuvanni Tigna

PÀTUNO ’I STISSI ’UAI

U sceccu di donn’Affiu ’u pizzàru
non mangia fenu d’òriu né carrubbi
havi n zzocché di nobbili assimigghia
quann’arragghia all’avvucatu Nisi
u sinnicu di ‘stu anticu paisi
di cunigghia di stadda e vurpigghiuni.
Su pirsunaggi – u sacciu – ’i l’Ottucentu
genti abbasàta, fimmini prudenti
ca mancu sannu ridiri ppi finta.
E pacenzia ni l’ham’a sumpurtari
acchian’e scinni ‘ì scimii e scimpanzè,
cchi cangi di ’sta vita ppi com’è?
Ca d’unni cadi l’acqua apri l’umbrella
‘a vita è bella picchì omini e ciuchi
pàtunu i stissi vizzii e manc’u sanu.
SOFFRONO GLI STESSI GUAI – L’asino di don Alfio lo straccivendolo / non mangia fieno di orzo né carrubbe / ha un nonsoché di nobile, somiglia / quando raglia all’avvocato Nisi / il sindaco di questo paese antico / di conigli da stalla e furbastri. / Sono personaggi – lo so – dell’Ottocento / gente a modo, donne prudenti / che non saprebbero ridere nemmeno per finta. / Ma pazienza, dobbiamo pur sopportarceli / saliscendi di scimmie e scimmion., / Cosa cambierai di questa vita per come è? / Da dove cade l’acqua apri l’ombrello / il bello della vita è che tanto uomini  quanto asini / soffrono di vizi uguali e non lo sanno.

LITTRA A GIUVANNI TIGNA

Caru Giuvanni a musica non cangia
‘stu munnu è tunnu e ggira: ‘u mmutt’u ventu,
accussì ggira ogn’omu senz’abbentu …
ma non ni lamintàmu, Giuvaneddu,
lassàmulu ggirari, cchi vo’ fari?
Cerchi pila nall’ovu? E cchi cunchiudi?
U pilu è pilu e a menti è appisa a ‘n filu
Si è sana a testa sempri unn’era u pilu
significa saggizza di pinzeri
tu pigghia a ccu sia-sia gran sparritteri
ca si facissi ’nnoggiu  da to’ tigna
senza cuntar’ i corna d’a so’ testa,
caru Giuvanni a vita fa’ ‘a so’ festa
ne’ mumenti ca pisa a so’ miseria
ognunu d’intra ‘u funnu d’u so’ cori;
u restu sunu pila, e quannu chiovi
s’hai capiddi s’assùppunu e t’ammali
si si’ tignusu di unn’arriva scìddica:
megghiu a tigna ca ‘u pilu senza sali!

LETTERA A GIOVANNI TIGNA – Caro Giovanni la musica non cambia / questo mondo è rotondo, gira e lo spinge il vento, / allo stesso modo gira l’uomo senza darsi tregua … / ma evitiamo i lamenti, Giovannello, / lasciamolo girare, cosa vuoi fare? / Cerchi peli nell’uovo? / E cosa concludi col farlo?/ Il pelo è pelo e la mente è sospesa a un filo. / Se sarà sempre sana la testa dove c’era il pelo / significa saggezza di pensiero / tu prendi chiunque sia tra i calunniatori / cui sia di fastidio la tua calvizie / senza pensare a un conteggio delle corna sulla propria  testa, / caro Giovanni, la vita celebra la propria festa / nei momenti in cui medita sulla propria miseria / ciascuno nel profondo del proprio cuore, / il resto sono peli, e quando piove / se hai capelli s’inzuppano e ti ammali / se sei calvo da dove arriva scivola: / meglio calvizie che pelo senza saggezza  (sale in zucca).

Turi d’a Rràsula