Littra di mmernu a cu finiu la ‘stati

 

Onorevuli,
tu ca vinni pulèra e accatti porci
m’u vo’diri unn’è ca va’ t’ammùcci?
Ora torni ô putìri
però …‘n carriòla
comu cu vinni ova e bistimìa.
Ti purtasti d’appressu ‘na lumìa
ppi diri a tutti ca si’ abbiliàto
pirchì nuddu ti duna assissuràtu
ti piaci l’ammùcciu usu jucari
proprio picchì nascisti p’arrubbàri
onorevuli dittu scecc’a ppisu
c’arragghi ti cridennu ‘n paradisu
unni l’ha’ misu i soddi c’ha’ nfrascatu?
Dimmìllu a’ ricchia
latru e disbusciatu!

 

LETTERA D’INVERNO A CHI HA SCIALATO IN L’ESTATEOnorevole, / tu che vendi foglie di vite e compri maiali / me lo vuoi dire dove vai a nasconderti? / Ora torni al Potere / in monociclo / come chi vende uova e bestemmia. / Hai portato con te un limone / per dire a tutti che sei patito di bile / perché nessuno ti darà un assessorato / e ti piace il nasconderti come per giocare / proprio perché tu sei nato per rubare / onorevole detto asino a peso / che ragli credendoti in paradiso / dove hai collocato il denaro che hai sgraffignato?/ Dimmelo all’orecchio / ladro e debosciato!