Litrra a ‘n avvucatu di Palermu

 

Dicemmunnillu a muta, mpari Natu
cchi ssiti orb’i culu?
O siti chinu ca vvi ntuppa l’occhi
sta smània di sintirivi pueta?
Su’ tempi tristi, oggi. E non si sapi
s’u peggio av’a ffinìri.
Vui truvastuvu l’acqua e tri bbuttani
e vi pari duminica…m’a pici
ncodda u pirciali!
Nenti facìti e nenti si sapi
ca u meli u fanu i lapi,
mpari Natu cca çiuridda nt’a rasta,
jucati i vucca, siti ‘n avvucatu
avita na famigghia
ma ora cchi vi pigghia
a cridivi pueta?
Ca gguditivi u culu! Nta sta chiana
di vermi e di bbuttani
vvi prisintati ccu pritisi streusi
jennu circannu cunigghiedd’ê causi
vui ca siti ‘i Palermu, mpari Natu,
sapìti ca all’Addaura cc’è pprova
ca u çiauru d’u mari coci l’ova.

 

LETTERA DI TURI D’A RRÀSULA A UN AVVOCATO DI PALERMO – Diciamocelo a gesti
e segni, compare Nato, / forse siete cieco dal sedère? / O siete imbevuto di voi
al punto d’ essere accecato / da questa smania di sentirvi poeta? / Sono difficili
i tempi di oggi e non si sa / se il peggio avrà fine. / Voi avete trovato l’acqua e
tre puttane / e vi sembra festa ma la pece / cementa il pietrame / nulla fate e nulla
si saprà / perché il miele viene prodotto dalle api / compare Nato dal fiorellin
nel vaso / voi giocate di bocca siete avvocato / avete famiglia / cosa vi piglia a
credervi poeta? / Godetevi il sedère / in questo momento di appiattimento di
vermi e puttane / vi esibite con pretese strane / andando in cerca di coniglietti
da pantalone / proprio voi che siete di Palermo, compare Nato / sapete che
all’Addaura c’è la prova / che l’odore del mar cuoce le uova!

Print Friendly, PDF & Email