L’ali d’u munnu

 

Munnu ca trasi e nesci di sta grutta
e curri sempri, curri
a la sdirrutta
unni vo’jri a rrumpiti stu coddu
nta n circu ‘i focu?
o vo’ cripari a mmoddu, nta ‘n funnàli?
St’ali ca ti spaddiunu di cira
su’ mpiccicàti a codda di sputazza
e i vrazza to’ su’ stanchi;
vo’ ripositi, chiuditi ppi sira
e s’ha nesciri ca non po’ fanni a mmenu
acchiana supra n trenu
posa st’ali di cira e dacci focu.

 

alidicera

 

Mondo che entri ed esci da questa grotta/ e corri sempre, corri / senza una direzione certa / dove vuoi andare a romperti il collo / in un cerchio di fuoco? O vuoi crepare a bagnomaria in un fondale?/ Queste ali di cera che ti confortano le spalle / sono state appiccicate con la colla di uno sputo / e le tue braccia sono stanche; / vai a riposarti, chiuditi per sempre / e se proprio non potrai fare a meno di andare in giro / monta su un treno / deponi le ali di cera e bruciale.

 

Print Friendly, PDF & Email