Goliarda Sapienza tradotta in siciliano

POESIE tratte da ANCESTRALE
(La Vita Felice 2003)

  • p.147

A te che passi
e porti la tua gioia
fra le braccia
sul seno contro vento
Non ti fermi, non
guardi
e la parola mi
muore fra le mani
e non ho fiato

A ttìa ca passi
e sbalànchi a cuntintìzza
mmenzu e vrazza
nno pettu contravèntu
Nun ti femmi, nun
talìì
e sta palòra mi
mori mmenzu e manu
e ciàtu nun ci n’ài

  • p.43

A te che hai gli occhi
azzurri
e i gesti lenti
e ti guardi le mani e non mi vedi
non restarmi vicina
non cercare
dalla sabbia calore
con quel gesto
che i miei sensi rallenta
e il mio sangue
trascina
in tramortite nostalgie.

Pi ttìa ca cciài l’uòcchi
ri celu
e ti movi lentu
e ti talìi i manu e nun mi viri
nun mi stari cca, vicìnu
calùri nun pritènniri
ra rrina
cu ddu fari
ca mi fa friddu
e u me sancu
su ttrascìna
na dda nìura malinnunìa

  • p.35

Non potrai più uscire.
L’ora è passata. La notte
ha chiuso i cancelli.
C’era il sole hai esitato.
Ora nel buio devi restare.
 
Nun ti ni poi cchiù iri.
Tempu scarùtu. A notti
nsirràu i potti.
Si fici luci. Tu, nsicùru.
Uòra a fètiri nno scuru.

  • p.31

Non posso chiudere gli occhi. Abbacinata
dal suo viso falciato sul cuscino
fra l’alba e il giorno. M’ha svegliata. Devo
guardare
il ricadere della ghigliottina.
 
Nun dormu cchiù. Alluciàtu
ra so facci fauciàta nno cuscìnu
ammèntri ca scura e ammèntri
ca si fa gghiòrnu. Cu m’arrisbigghiàu? A gghià
taliàri
stu cuteddu
ca sempri mi tàgghia a testa

  • p.55

Si schiudono le porte
senza rumore
Si staccano i tuoi passi
dal mio fianco
senza rumore
resto sola a fissare
il mio viso riverso nel mio grembo
 
Si scòstunu i potti
sinza scrùsciu
Si smòvunu i to passi
ro me sciàncu
sinza scrùsciu
sulu sugnu  a taliàri
a me facci ittàta supr’a panza

  • p.27

Ascolta non c’è parola per questo
non c’è parola per seppellire una voce
già fredda nel suo sudario
di raso e gelsomino.

Ascùtimi, nun ci sunu palòri
nun ci sunu palòri pi vurricàri na uci
ca pari ggià motta, antrucciàta nno so ttabbùtu
ri rrasu e girsumìnu

  • p.152

Chi siete voi che con mani di topo
disossate, palpate su per i muri
per le tende
lì negli angoli oscuri dove il muschio
sconnette le piastrelle.
 
Cu siti vui, ca comu manu ri surci
scumminàti ossa, v’arrampicàti ppe muri
supr’e tindùna
addà, unni è o scuru a casa, unni l’ùmitu
s’ammùcca u pavimèntu

  • p.49

Cosa aspetti sull’uscio
della mia casa? E’ l’alba
sono sola
e ho paura
Cosa cerchi nel vuoto
delle mie stanze?
Sono sola
e gli specchi ho rivoltato.
 
Chi ciaspètti ravanti a potta
ra me casa?  Agghiancàu
sugnu sulu
e mi scantu
Ma chi cecchi
nna sti stanzi sbacantàti?
Sulu sugnu
e tutt’i specchi i ggirài.

         Traduzione a cura di Sebastiano Aglieco