Sacrum promontorium

Punta San Vicènzu

Accà a petra
è zòcculu ri muru e bbalàta
n’abbìssu rovesciàtu ro so mari
sdurrubbàtu contr’o celu.
A tramuntàna, ri rrini suttirràti
si ìsunu unni rrappàti
sparpagghiàti nnuminàgghi o funnu.
Accussì si sciamàva stu postu:
“Sacrum promontorium”
a ccasa ri ddiu.

Capo San Vincenzo: Qui la roccia / è zoccolo di calcare e arenaria / un abisso vomitato al suo mare / scagliato contro il cielo. / A Nord, da spiagge sedimentarie / affiorano antiche onde / sbaragliati segreti nei fondali. / Questo era il “Sacrum promontorium” / dimora degli dei.

*

Santa Roca

Stiddi ca mai àiu virùtu
spaccu ri celu unni si cucca u suli!
Na nu lìmiti ri uòcchi
ri petri struppiàti che peri
ri irbàzzi e ciùri
sucàti ra luci
avìa pitìttu  ri nu sciùrìddu
re lìmiti ri na casa
cu n’attarìnu pi priàri.

Na ma iri cu l’unùri
oppùru cca na ma stari, cu n fìgghiu.
 
Capo da Roca: Stelle che forse non ho mai veduto / incrinatura dell’Occidente! / Su un confine di occhi / di pietre calpestate / di giunchiglie e di malve / succhiate dalla luce / ho desiderato solo un piccolo / fiore e i confini di una terra / segnata dalla fede. // Si deve partire con onore / o legarsi a una strada, un frutto.

*

A O’grove

I
E accussì i frazza r’acèddi ti tòccunu a facci.
Tu nun diri nenti ri sti ncuttùmi
si nun veni a risbigghiàta.
Tutt’i facci si ni iènu
l’uri si  chètunu.
Si fa sira a O’grove.
II
Uòcchi, gesummarìa, uòcchi spicchiàti
chi lluci ca m’allùcia!
Sciàuru ca  na casìtta ni lassa
u  purtàmu  e zziti nne frazza, o e
fratèddi, ammucciàtu nna l’uòcchi.

A O’grove : I / E così le ali degli uccelli toccano il viso. / Tu non aprirai queste iunture / se prima non arriverà il giorno. / I visi sono passati / le ore si sono calmate. / A O’grove è sera. // II / Occhi, occhi riflessi, mai sono stato / abbagliato da tanta luce. / Odore che una terra ci lascia / lo porteremo sulle braccia alle spose, o ai / fratelli, custodito negli occhi.

*

Appinnùtu

N crucifìssu talìa u mari
trazzèri sfasciàti mmenzu  a rrina
dduni a mezzu cèrchiu, comu
annacàssiru n santu prutittùri.

Nna l’uòcchi re cavàddi rommi
nu nenti. Ni talìa, nun voli nenti.

Calvario delle dune: Un uomo in croce guarda verso il mare / rotti sentieri tra le sabbie /doline a semicerchio, come / accogliessero un nume tutelare. / / C’è un nulla che riposa negli occhi dei / cavalli. Ci guarda, non vuole niente.
                                                                                                                                                      Sebastiano Aglieco

*

Sebastiano Aglieco (Sortino, 1961), insegna nella scuola primaria a Milano. Si occupa di scrittura e teatro per le persone in formazione. Ha pubblicato diversi libri di poesia, un romanzo breve e due lavori di saggistica letteraria.
Il suo spazio: COMPITU RE VIVI (www.miolive.worpress.com)