Epicedi

 

EPICEDIO

Scienza Maestra in vita ora ricorda
a chi c’era e sarà nella memoria
medicamenti storia nel respiro
coi secoli (per beffa senatrice
in quei rischi ridicoli tra insulti).

Forse baluginò nella pupilla
un neurino sospeso alle sue cure
estrema sfida. O meta? Ora i ricordi
un vanto per gli eredi della scimmia.

 

POSTUMA E APOCRIFA
(da Rosanna Bettarini* a Gianfranco Contini)

“E-book e twitter hanno già assorbito,
caro Contini, i nostri distillati;
ora Dante e Petrarca al cinguettare
sono troppi per lettere e domani
vani sudòri i nostri solo nicchie
al frullare spergiurano i maestri
sapienze nuove e aprono il colletto
di grado in grado cattedre in brodetto;
gli Atenei caldi nidi cinguettanti
tra passere da letto e cavalcanti.”

 

RIFLESSIONE

Io so che molto o poco non rabbercia
se resta una speranza per domani
tutto ogni volta è nulla ma compone
l’attesa ogni flagranza anche il frastuono
promette dono o minaccia morte
l’amore sillabato quando sgrana
quarto lunare e la marea ritira
scompagina e rovina si ribalta
non girerà ritorni all’acqua alta.

mortecultura

© M. Cartisano

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

* Il 26 dicembre è mancata Rosanna Bettarini (1938- 2012),
eccellente filologa, docente nell’Università di Firenze. Nota
in tutto il mondo per i suoi studi sul Petrarca, per quelli
su Montale condotti con Gianfranco Contini (L’Opera in versi),
nonché per le definitive ricerche sui laudari toscani, umbri e
marchigiani, punto fondamentale di riferimento per l’approccio
alla letteratura italiana delle Origini.

Print Friendly, PDF & Email