Elezioni regionali in Sicilia

 

’Ncignatina

Giubbilìu Cannasciaccàta
cerca voti ppi so’ soru
e Saridda Sciampagnati
– ntisa Ridda Piludoru –
i ddumanna ppi so’ frati
ca è n principi d’u foru.
C’ è na cursa a chianta cutra
pp’a minnazza d’a Reggioni
sucalori e kamasutra
ppi uttanta pappagoni.

Coru di populo

Cu vinni stuppa e cu vannìa luppini
avemu ’aricchi chini e i corna moddi
semu menzi parrini e menzi foddi
chini di pimpapenza e di rancuri
ma arrinamu abbruçiannuni i muturi
arreri a provvidenza i cu ni mprena.

 

Riturnellu

O pruvatu n’u pruvari
ca cchiù u provi cchiù tintu u trovi!
Sutta cu s’ha’ rràdiri
ca ccà u varbéri è prontu.

 

Prologo
Giubilio Cannafessa / cerca voti per la sorella / e Rosaria Sciampagnate /
– detta Rilla Pelodoro – / li richiede per il fratello / che è un principe del foro. /
C’è una corsa a impiantare coperta / per le grosse e lerce mammelle della Regione /
poppatoi e scelte di goduria / per ottanta attori da cucina.
Coro di popolo
Chi tratta stoppa e chi vende lupini / abbiamo le orecchie piene e le corna rammollite /
siamo diventati per metà preti per metà dementi / saturi di astratti furori e di rancori /
ma corriamo fino a fondere i motori / dietro chi ci ingravida di false provvidenze.
Ritornello
Non riprovare con chi è stato già provato / perché tanto più lo riprovi / tanto peggiorato
lo trovi. / Si accomodi chi deve essere tosato / il tosatore è pronto.

 

Print Friendly, PDF & Email