Paci 2012 ‘n Sicilia

 

Ficiru a paci Chicu e Trappiteddu
ora videmu u bbeni cc’a cannìla
ma sulu a sira doppu codd’ê suli
di jornu u bbeni dormi.

I mura sunu chini di facciazzi
tutti i discursi sunu pp’acchianari
tra d’iddi i trazzi a vvinniri e jttari
ma si dèsiru i manu.

Ficiru paci i cani ccu li lupi
poveri pecuri mansueti crasti
ammenz’ê mprasti di sta vinnignata
a notti pari jornu.

Chicu vannia e Trappiteddu tagghia
a magghia è stritta ma c’è a sucalòra
cu varda ê fora sta miniminagghia
è sceccu ma n’arragghia.

Ritornello

Ficiru a paci i cani ccu li lupi
poveri pecuri, mansueti crasti!

 

Pace 2012 in Sicilia
Hanno fatto la pace Chico e Trappitello / ora vedremo il bene a lume di candela / ma solo a sera dopo il tramonto / di giorno il bene riposa. // I muri sono infestati di brutti ceffi / tutti i discorsi sono per essere eletti / tra loro calunnie a vendere per vuoti a perdere / ma si sono date le mani.//
Hanno fatto la pace i cani con i lupi / povere pecore e mansueti caproni / in mezzo al torbido di
questa vendemmia / la notte sembra giorno. // Chico bandizza a voce e Trappitello taglia / la maglia è stretta ma c’è il poppatoio / chi osserva dall’esterno questa pantomima-indovinello /
è un asino ma non raglia. // Ritornello // Hanno fatto la pace i cani con i lupi / povere pecore, mansueti caproni!

Print Friendly, PDF & Email