Du’ littri a Ninu d’u Minnulìtu

A NINU D’U MINNULÌTU

 

Ninu liggii a to’ littra: m’addùmanni

cchi fazzu, cchi mi sentu, cchi è ca pensu

ora ca chiusi a fabbrica d’u ’ncensu.

Poi mi scrivi ca si’ sutta scuntentu

nta’n mal’abbentu ca ti pirciulìa …

Ma cchi voi ca ti dicu? Quant’a mmia

sugnu com’u v’a scìddica si cchiovi

mangiu angiovi salati ppi cantàri

cc’a vuci cchiù schiarùta

e m’allàttunu comu ’n picciriddu.

Nuddu è ca non mangia e fa muddìchi

e nuddu cerca spichi a jazz’i troia …

E allùra?

Allur, amicu miu, statti curcàtu

ca u quatu è chinu di latti di scecca

u rimeddiu è sicuru!

Ti scanti pirchì fai malacumparsa?

Ma lévicci ’sta farsa!

Cchiù scur’i menzannotti non po ffari!

Ti senti strabbudutu? Non sai stari?

Mazzir’ô coddu e v’a jettiti a mmari.

 

LETTERA A NINO DEL MANDORLETO – Nino, ho letto la tua lettera: mi chiedi / cosa opero, cosa penso, come mi sento / adesso che ho chiuso la fabbrica dell’incenso. / Poi mi scrivi che sei più che scontento / vivi una mala ansia che ti tormenta dentro … / Cosa vuoi che ti dica? Quanto a me / mi trovo che da dove piove scivola / mangio acciughe salate per poter cantare / con voce più chiara / e già di questo mi nutro come un bambino che si sazia di latte materno. / Non esiste il digiuno che lascia cadere briciole / come nessuno cercherà spighe dove dorme una troia …/ E allora? / Allora, amico mio, restatene a letto coricato / perché il secchio è colmo di latte d’asina / il rimedio è sicuro! / Hai timore per la pessima immagine che darai di te? / Ma smettila con questa commedia! / Non ci sarà ora più buia della mezzanotte! / Ti senti sbandato? Non sai stare al gioco? / Un macigno al collo e scaraventati in mare.

 

VACCINU

 

D’unni chiovi mi scìddica ma u ventu

mi’ncheta

mi fa friscari ’aricchi usu zanzara

u tempu passa e iù rupp’a quartara!

Mi veni di pinsari all’ann’antichi

quannu erimu nichi e poi criscennu

persimu la nnuccenza.

M’arriòrdu chitarri e mandurlini

sutta occhi balcuni

di sabbutu nt’u fil’i menzannotti

poi o luni cc’u grecu e cc’u latinu

finu ca poi ccu l’anni

sappi sèntiri ca m’hao fattu ’ranni

e nenti cchiù chitarra e mandurlinu

ma ogni jornu litri di vaccinu

contr’a malaria d’a ggenti perbeni.

 

VACCINO-  Da dove tocca scivola la pioggia ma il vento / mi disturba / mi procura fischi nelle orecchie come da zanzara / il tempo passa e ho rotto la quartara! / Mi viene da pensate agli anni antichi / quando eravamo piccoli e poi crescendo / perdemmo l’innocenza. / Mi ricordo chitarre e mandolini / sotto qualche balcone / di sabato sul filo della mezzanotte / poi il lunedì col greco e con il latino / fino a quando con gli anni / ho capito di essere cresciuto / e non era più stagione di chitarre e mandolini / ma a ogni giorno litri di vaccini / contro la malaria della gente perbene.

 

Turi d’a Rràsula