Quann’u cani arresta arretu

prima di l’esami di anatomia umana

si occadunu m’avissa dittu

“tàgghiti ’na vina!”

’nveci di

“ô rrumpiti ’na jamma!”

pensu ca havissa purtatu bbonu ’u stissu

(prima dell’esame di anatomia umana / se qualcuno mi avesse detto / “tagliati una vena!” / invece di / “rompiti una gamba!” / penso che avrebbe portato ugualmente bene)

             * * *

’stu caudu m’ammazza…

e ’sti trona ca si portunu ’a testa senza ca chiovi

sunu ’na cosa bbona sulu ppi l’apocalissi

(questo caldo mi uccide… / e questi tuoni che fanno frastuono senza che piova / sono una cosa utile solo per l’apocalisse)

             * * *

quannu passiannu

’u cani

nun tira cchiù

ma ’rrest’arretu

accumincianu ’i ’uai

(quando passeggiando / il cane / non tira più / ma rimane indietro / cominciano i guai)

Francesco Foti