Camigghiu, picchì ciangi un cuncutrigghiu?

 

Havi tant’anni ca soni e non mangi
di jornu dormi e poi di notti ciangi
t’arridducisti com’a Chiaramunti
vasciu d’arreri e niscilu davanti
ma panza e culu to’ paruno utti
quannu camini fai rridiri a tutti!
Tornitinni a Ramacca, t’u cunsigghiu,
addéviti n maiali nt’u curtigghiu
e a sira a cu è ca passa a lassu e pigghiu
cci addumanni cc’u nguttu d’u cunigghiu
“Camigghiu, picchì ciangi un cuncutrigghiu?”

 

***

 

Camillo, perché piange il coccodrillo? –Sono anni da che suoni e non mangi /di giorno dormi e poi di notte piangi / ti sei ridotto come Chiaramonte / basso alle spalle ed esile il davanti / ma pancia e culo sembrano due botti / e quando passi fai ridere tutti. / Torna alla tua Ramacca è il mio consiglio / ad allevare il porco nel cortile / e quando è sera ai passanti, a voce alterna / chiedi con modi spicci da coniglio / “Camillo, perché piange il coccodrillo?”

 

 

lacrime di coccodrillo

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email