Storii di Catania

 

A Catania u liòtro
dormi di jorno e piritìa di notti
u sinnicu ca u sapi si ni futti
e i catanisi ca su’ gran signùri
su cumminti ca a notti i riutùri
sfuinu a l’Etna a causa d’u liòtru.
‘N jocu di cimarredda sutt’u bagghiu
tutt’a bbaccagghiu e nuddu ca fa mprisi
tantu ca don Pizzecu u ramacchisi
ca havi n chioscu sutt’a piscaria
cci dici e so clienti ca lampìa
for’ê  l’urfu a libbici e u tempu è bonu
picchì u liòtru cci fa l’ecu ô tronu.

 

A Catania l’elefante / dorme di giorno e scorreggia di notte / il sindaco lo sa ma se ne fotte / e i catanesi che son gran signori / sono convinti che di notte il tuonare / sia esito indiretto dell’Etna a conseguenza dell’elefante. / Un gioco a dama sotto il portico / tutto a baccagli e nessuno avanza scommesse / ragione per cui don Pizzeco il ramacchese / che gestisce un chiosco nei pressi della
pescheria / racconta ai suoi clienti il lampeggiare / oltre il golfo verso libeccio / e che intanto il tempo è al bello / perché l’elefante combina l’eco al tuono.

 

liotru

 

Print Friendly, PDF & Email