Due francobolli

SONNIRA DI TISTUNII E CARCARAZZI

 

Stanotti mi nsunnài a Mar’a sbirra

Cirasaniura di Caltagiruni

aveva ’n testa ’n nid’i carcarazza

agghiummaratu e so’ capiddi rrussi

e jucava a ‘mmuttari ’na tistùnia!

 

Sonnu babbanu sulu ca cci pensu

a quannu Mara addivava scurpiuni

sempre a Caltagiruni e n jornu dissi:

“Iu nascivi ppi daricci cunfortu

ê vermi ê lucirtùni a cu è ca striscia

specialmenti ê sirpenti unni su-ssù:

u me’ distinu è di fari bbeni

ma mi piaci u siminari trazzi,

ppi cchistu fazzu cosi-cos’i pazzi

pp’i nìtira di corva e carcarazzi!”

 

Forsi ppi cchistu m’a nsunnai stanotti

ccu ddu nidu di fraschi e ram’i ficu

e cc’a tistùnia c’ammuttàta a mmanu

parteva n volu comu n’airuplanu.

SOGNI DI TESTUGGINI E GAZZELADRE – Questa notte ho sognato Maria la spiona / Ciliegia nera di Caltagirone: / aveva sul capo un nido di gazzaladra / aggomitolato con i suoi capelli rossi / e giocava a spingere una testuggine! // Sogno sconclusionato al semplice mio pensare / a quando Maria curava un allevamento di scorpioni / sempre a Caltagirone, e un giorno disse: / “Sono nata per dare conforto / ai vermi, e ai lucertoloni come a tutti quelli che strisciano / specialmente a serpenti dovunque essi siano / il mio destino è fare del bene / ma mi piace seminare zizzanie e calunnie / proprio per questo compio gesti da pazzi / per i nidi di corvi e gazze ladre! // Forse per questo l’ho sognata questa notte / con quel nido di frasche e rami secchi di fico / e con una testuggine nell’atto in cui la spinta con la mano / s’alzava in volo come un aeroplano.

 

MIGNIMIGNÒLA

Mignimignòla-mignimignòla

quantu costa ’na crapiòla?

Otto dicisti e lu jocu pirdisti

si ssetti dicevi lu jocu vincevi!

E ’n sichitanza ppi menz’ùri sani

ora vincennu e ora pirdennu

mignimignòla megghiu di ’n ternu:

“Cincu dicìsti e lu jocu vincisti

si quattru dicevi lu jocu pirdèvi!”.

 

Mai ca si sappi di Mignimignòla

e mai veru prezzu di na crapiòla

eppuru c’era e c’era … cu c’era?

C’era la mamma cc’a ciculattèra!

MIGNIMIGNOLA – Mignimignòla-mignimignola / quanto costa una capretta? / Hai risposto otto e hai perso il gioco / se avessi risposto con sette avresti vinto!/ E così di seguito per mezz’ore intere / ora perdendo e ora vincendo / una mignimignòla meglio di un terno al lotto. / “ Hai detto cinque e hai vinto il gioco / se avessi risposto quattro lo avresti perduto!” // Mai si è saputo di Mignimignòla / e mai il vero prezzo di una capretta / eppure c’era e c’era … chi c’era? / C’era la mamma con una guantiera di cioccolattini.

 Turi d’a Rràsula