Dubbii e Manubrii

(cutuletta, miniminagghi e palumma)
 
CUTULETTA

’Nzamai n’allùcia u suli si non chiovi
e cci su pprovi di cu l’ha patùtu
ti dicu ’i veru frati com’a sputu:
cci cridi ca non cridu mancu ô suli?
Oggi cc’è ma c’u dici si ddumani
nta stu munn’i bbuttani vota cocchiu?

Autru è quannu ha’ diri “cridu a Ddiu”
ca u dicu picchì cridu a ccu non viu
è verità ca unu quannu pensa
non sapi quantu capi a so’ispensa
tra surgiazzi, fulinii, salafizzii
l’omu è na varca i vizzii e tannu cridi
quannu cci chiovi d’intra ’u cc’ammangiari.

Non m’a cuntari ritta, sgleccia, tunna
tutti semu inficiati di occa grunna
ca strica supr’a ggialina.e ni tagghia
na ncagghia a spaccatumminu nt’u cori
di quannu unu nasci a quannu mori.
U ddubbiu rresta sempri arrer’a porta
comu na sintinella ni f’a scorta
‘nzamai n’allucia u suli si non chiovi..

Cotoletta – Se per caso in un giorno senza pioggia mi abbagliasse sole / e prove ce ne sono di chi l’ha patito / ti confido con spirito veramente fraterno come la esterno: / lo credi che con credo nemmeno al sole?/ Oggi c’è ma chi dice se domani / in questo mondo di prostituzioni muta percorso?/ Altro è quando debbo dire “credo in Dio” / che lo dico perché credo in chi non vedo /
la verità è che ciascuno quando pensa / nemmeno sa quanto contiene la propria dispensa /
tra topastri, ragnatele, scorpioni / l’uomo è barca di vizii e crede quella volta / che gli piove
nella sostanza di quello che deve alimentarlo. /Non raccontarmela in verticale, sghemba, rotonda / siamo tutti contagiati da qualche broncio / che gratta sull’ittero e ci taglia / una fenditura a spaccamisura nel cuore / da quando ciascuno nasce a quando muore / il dubbio sosta costantemente dietro la porta / come una sentinella ci fa da scorta / se per puro caso ci abbagli il sole nei giorni senza pioggia.
 

MINIMINAGGHIA N. 1

Mintemu ca t’allùzzu e non ti vidu
cu è d’i dui ca rrìdi ?
Si n’a trumma cci çiusci nesci sonu
nuvola contro nuvola fa ’n tronu
cu pisca nt’a jsterna tira chiummu
e cu canta di notti fa rribbummu.
Cchi è?

Indovinello n. 1 – Poniamo che ti scorga e non ti veda / chi sarà dei due a ridere? / Se soffi nella tromba viene fuori suono / nube contro nube produce un tuono / chi pesca nella cisterna tira su piombo / e chi canta di notte fa rimbombo. / Cos’è?

© P. Picasso, Ritratto di Ambroise Vollard, 1910


 

MINIMINAGGHIA N. 2

A Zafarana c’è n maistru i bbancu
ca quannu parra caca pani jancu
s’attisa nt’u so’ bbrodu e si ncupùna
l’anima d’a so’ sorti s’appilùna
di mmidia ccu du’ vàddiri
e ncrastùna nt’a casa d’u Papìru
pari ‘n piru abbirmatu.
Vàrditi d’u so’ çiatu … fet’i mmerda
pàssicci arràssu e tocc’a ciaramedda!
Cu è?

Indovinello n. 2 – A Zafferana c’è un maestro di banco / che quando parla caca pane bianco /
si erge nel suo brodo e rimpannuccia / l’anima della sua sorte s’ingrandisce / per invidia a
doppia ernia / s’incaprona nella casa del Papiro / sembra pera col verme. / Scansa il suo fiato …
emana odori d’escrementa sfusa / passa a distanza e tocca cornamusa.
 

MINIMINAGGHIA N. 3

Ccu du’ b ccu na b è sempr’u stissu
sulu ca cc’u manubriu cci ha pinsari
tri vvoti prima ê dàricci a partenza
cci voli ’na pacienza ogni matina
e na virrìna pronta a spurtusàri
prima ca trasi u dubbiu e s’allattùna
jucannu cc’u manubbriu a manu china,
Cchi è?

Indovinello n. 3 – Con due b con una b è sempre uguale / solo che col manubrio si dovrà
e pensarci sopra / per tre volte prima di avviarlo / occorre una pazienza a ogni
mattino / e un succhiello pronto a forare / prima che penetri il dubbio a godersela /
giocherellando col manubrio a mano piena. Cos’è?
 

PALUMMA

Palumma tu ca muta canti
quali santi ti vagnunu si l’ali
siccunu d’amùri e pinitenzi?
A terra è a panz’allària
varda u celu
si mmai ccu ‘n velu
prummetti umbra o ventu
di unu a ccentu
allonga u siccarizzu
e u to pizzu si apri ppi ddisìu
d’a vuluntà di Diu ca pigghia acqua.
Tu canti muta i dubbi e nt’u to mutu
scinni u feli ca ti manca pari
pinnula ê meli ê spini di vilenu
rroti di trenu ca non vola
stola ê parrinu ca confessa ê muti
ê buttani ê curnuti
ma rresta appisa ô coddu
usu na sciarpa ê lan’i pecora
… fa mbeeee!

Colomba – Colomba tu muta che canti / quali santi ti bagnano se le ali / ti si stressano di amore e penitenze? / La terra è con la pancia all’aria / e guarda il cielo / se per ventura tramite un velo di nuvola fa sperare ombra o vento / da uno a cento / si prolunga la siccità / e il tuo becco si apre per desiderio / della volontà di Dio che prende acqua. / Tu muta canti i dubbi e nel tuo imbuto / scende il fiele di cui sei priva sembra / una pillola di miele ma è spina di veleno/ come ruote di treno che non vola /stola di prete che confessa i muti /le prostitute, i cornuti / restando appesa al collo / come sciarpa di lana di pecora /… fa mbeeee!

Print Friendly, PDF & Email