A ‘stati porta cantu di cicali

 
Canta cicala, canta ca ti passa,
cchiù canti e cchiù ti veni armu e çiatu
canta ca tuttu è nenti
tutt’è pizzenti
comu lardu ‘i serpi.

Canta e furrìa sta zzenia
a ttir’i mula appisi ê paraocchi
notti sani ca canti
amuri e chiantu ora pirdisti
u cuntu non è chistu o cu ti senti
ppi tri mmisi l’annu.

Ti scartasti ‘na cima supra ventu
cori cuntentu non c’è mancu ‘u papa
ma tu ca non si lapa né furmicula
sì figghia d’a canicula e finisci
cc’a ’stati e mori prima.
L’arbulu abbrivisci e tu sparisci
povira cicala.

Lignu vagnatu siddu u ddumi fuma
ca ogghiu e virità su’sempri a ggalla
càntimi a virità cicala spersa
càntila ca cc’u caudu nuddu ’a senti
a ggenti havi autru a cu pinsari
cu a mmari cu n muntagna
e tu ca t’arruini ali e çiatu
veru e santu piccatu origginali
 

 cicale
 

L’estate porta canto di cicaleCanta cicala, canta che ti passa, / più canti e più aumentano ispirazioni e fiato / canta che tutto è niente / tutto è scadente / come lardo di serpi.// Canta e fai girare questo bindolo / tirato da muli con occhi bendati / notti intere a cantare / amore e pianto ora hai perso / il conto non è questo o chi ti sente / per tre mesi all’anno.// Hai scelto una cima che cavalca il vento / cuore contento non è nemmeno il papa /ma tu che non sei ape né formica / sei figlia della canicola e finisci / con l’estate muori prima. / L’albero risuscita e tu sparisci / povera cicala. // Legno bagnato se lo bruci fuma / perché olio e verità galleggeranno sempre / cantami la verità, cicala smarrita / cantala che con la calura non la sentirà alcuno / la gente ha ben altro cui pensare / chi a mare chi in montagna / e tu a consumarti ali e fiato / vero e santo peccato originale .

 

 

Print Friendly, PDF & Email