Poesie e un dipinto

 

Notturno
Candeggiare l’anima
stenderla
al chiaro di luna
sul filo teso della notte

© Grazia Calanna, Steccati

***

La gatta
Tocco d’amore
e s’inarca la gatta
di presa apparente
gode

Maestà

***

Luna scarlatta
Timida amaranto
maliarda accigliata
bevi ubriaca il proclamato dispetto

Terra interposta svelle l’amato
pochi minuti l’astronomico gioco
occhi spianati al soffitto stellato
eccolo lesto
l’hai ritrovato!

***

Gramigna
Hai l’incarnato del crepuscolo
un batter di nocche incavato
t’inerpichi gramigna, infetta
t’insinui d’unghiate, subdole
maligna trafiggi
ti spingi fin sulla vetta
orsù
deserto t’attende

***

Ripiego
Occhieggio la penombra
surrogato di te
che non vedo

***

Vaghezza
Sgretolarsi ai piedi di un’illusione
come sabbia cacciata dal vento
perdersi

***
                                     (per Antonella)

Guizzi d’anguilla in occhi di luce
infili il tempo nell’orlo del mare

Print Friendly, PDF & Email