Allerta e fuga

Non è allusione l’intenzione

di considerare con altra sensibilità

l’essere vivi e poter dire ora

senza mora la nostra età.

Gli anni sono arrivi e partenze

tra stazioni, treni, compagni e assenze.

Un giro intorno a lave e colline,

boschi e marine ignave

del viso proteso e curioso

nello stesso punto e a capo

di un tiro d’arco improvviso.

E così il fiato rimane intrappolato

nell’istante di un unico respiro

quello dell’anima che ci sfiora

fuori dal tempo senza tempo.

Inutile ogni allerta e ogni fuga

la ferita inferta si rinnova

e aperta nel silenzio brinda all’amore

anche con l’assenzio.

Marisa Liseo (Catania, 13 – 27 novembre 2019)