ΒΕΛΕΝΟΣ

 

Ësgnor dël sol
Belénus de ’d grinor:
ant l’angavign dij ragg luisent ëd fòrsa
coron-a ’d lus, podèj sensa finagi
an sla tèra drùa ch’a l’é toa bòina sclinta.

Ant un Nen-temp sensa termo e stagion
giajèt ëd sol-aram, dagnà dal cel,
as deurvo ’n sla pariura ’d nòste arme.

Cunà da la lun-a, lingera-solenga,
soagnà da ’d lusariòle ’d tarlantan-a,
i smicerai ël Nòm ch’as arlama
an sërcand sò dësbut.

 
Belenus_2

Belenos/Beleno

Signore del sole/ Beleno dio della gioia:/ nell’avviluppo dei raggi luminosi di forza/ corona di luce, potere senza limiti/ sulla terra fertile che è il tuo confine luminoso.// In un Non-tempo senza limiti e stagioni/ scintille di sole-rame, gocciolate dal cielo,/ si aprono sul pegno delle nostre anime.// Cullato dalla luna, leggera-solitaria,/ accudito da lucciole di mussola,/ guarderò di sottecchi il Nome che rallenta/ per cercare il suo principio.

 

Belenus_3

 

Beleno, divinità celtica della luce, uno dei maggiori e più influenti tra gli antichi dei europei, per il quale si compivano sacrifici e riti collegati ai solstizi e perciò ai cicli solari dell’anno. La forma onomastica Belanu è stata ritrovata su alcune iscrizioni scoperte in Piemonte, nei pressi di Oulx ed a Bardonecchia. Alcuni studiosi lo accostano al dio Apollo.

Print Friendly, PDF & Email