Beffafuh!

 

 

La volta in cui la Beffafuh

vicina

mi vestivo di-stanze

pie-gherigli di noce

del vol-tolsi
lo spazio
gli ospiti non tv idero?

Eri il faro stagno-là
mi-suraXXIV

la luce

dispari adDio
le suole lo dissero
chèri celato
che gli occhi nascevano
“le-viti” spogli(e)

sfrenati

con-tratti

 

respinti a sognare.

 

 

Print Friendly, PDF & Email