Una poesia

 

L’OMU S’ADDIPERDI E U SCECCU CRISCI

‘N Catania ncuntrai ‘n sceccu cc’a varba
ca scecchi i stissi mai s’havianu vistu!
Mi dissi iu – parrann’i sul’a ssulu –
“Chistu ora s’arragghia ccu sta varba
ogni filu si fa cord’e chitarra
comu stagghia st’arrùsica ‘i carrubbi
‘a ragghiata e ‘na musica!”
Ma quali tubbi, ammeci d’arragghiari
(era jurnata ê fera) ‘st’animàli
cominciau a parràri italianu!
Cchi munnu stranu! Oggi pedi-pedi
pp’assìnu i scecchi parrun’u taliànu
e unu i trova non unni va-vvà
ma prufissùri all’università!

 

 

 

(L’uomo perde colpi e l’asino si evolve: A Catania ho incontrato un asino con la barba / asini tali mai erano stati visti ! / Mi sono detto – parlando tra me e me da solo a solo – / “Questo ora se raglierà con tale barba / di essa ogni filo si trasformerà in corda di chitarra / e appena finirà di rosicchiare le carrubbe / la ragliata sarà una musica!” / Ma quali tubi, invece di ragliare / (era giorno di fiera) questo animale / incominciò a parlare in italiano! / Che mondo strano! Oggi andando in giro / persino gli asini parlano l’italiano / e uno li trova non dove va o non va / ma da docenti nelle università!)

 

 

Print Friendly, PDF & Email