Due prose e una poesia

LIBBIR’USCITA
RUBBRICA ‘N SICILIANU A SCIROCCU E LIBBÌCI
mpupàta e scritta di Carmelu Tagghialiazzi
(u nipùti ‘i don Paulu Occhirrizzi)

Amici mia liggìtimi ca è ura dunn’è ca chiovi e scìddica ’a parola e cca, vulennu, ni truvati prova, minnulàta ccu sucu di lumìa a usu diri a ’n cani: Pass’attìa! Puleggia ca furrìa porta furtuna e spicialmenti quannu cci vo’ sduna ca porti ’n gnaccu e aspetti ca fa ’a luna. Manc’a li cani sidd’è ca sbrizzìa e u càudu fa rrumpiri a currìa, nesciunu i cunigghia di nt’ê tani e currunu sudàti li cristiàni dicennu: chistu è caudu malerfu, tant’è veru ca u cardinali Ddelfu, camerlencu d’a curia vaticana, cosa strana e di sali, sta murennu ô spitàli, non si cura, non senti mancu a Ddiu nt’u sdillirìu ca sparra dici ca ora l’orbi sunu tanti orbi l’omini e sunu orbi i santi. Sciogghi ‘sta sorti e jettiti a natàri ora ca si’ ‘mbriàcu e cca cc’è ’u mari, datu ca non ha’ mangiatu ficudinia e n’ha’ scangiatu ’n nneu ppi ‘na putìnia. E cu nesci arrinesci e u suli spunta sia ppi cu dormi ca ppi cu fa ffinta si è veru cocciu ’i ggiummu ca mancu si ti voti e vardi a chiummu ti po’ paàri tantu di tiatru ‘n latru di notti veru dormi sulu e vota ’u culu senza diri bbau. Tu ca si n mmau e non ni fai misteri, tu, propriu tu ca almenu finu a ieri ti fumavi nt’a pipa casi e avìri, arrisuttasti ‘n pocu cacarànu t’u dicu picchi iu t’attrovu spanu o mumentu d’a to’ filettatura, comu di unu ca pp’a gran primùra persi d’i scarpi u taccu e d’i so’ cosi si ni fici ‘n maccu. Finìu tuttu nt’u criu ppi ‘na cirnùta e mancu Ddiu cci potti a scanziallu mancu l’amicu so’ ddu maresciallu ca scangiava lu linu ppi priccàllu. Comu fu comu non fu… rragghia u sceccu e frisca ‘u chiù! Vo’ cugghitivi l’armici vui, cchiuttòsto ca u libbìci sciuscia ‘n facci a’ tramuntana e si è forti ‘a sciruccàta, acqua ê celu o punintata.

SUGNU NUNZIU CHITARRUNI

Littra di Carmelu Tagghialiazzi a tutti i componenti dei G di Setti ‘n poi finu a 27, della terra (e del mare).

Gentilissimi e putintissimi! sugnu Nunziu Chitarruni e tali mi chiamunu amici e canuscenti picchì quann’eru nicu ievu a scola di chitarra e siccumu n’ha’ statu mai ‘n giganti a chitarra era cchiù grossa e auta di mia. E a ggenti mi misi ‘sta ‘ngiuria di Chitarruni. Ppi dilla comu passa vi cuntu ca temp’arreri u me’ mastru mi prisintau a ‘na pirsuna mpurtanti e putenti, ‘n certo Antoniu Culufriscu, ca sarebbe ‘na ‘ngiuria chista d’u culufriscu secunnu comu fu ppi mia cc’a chitarra. Quindi ‘stu signore ca bazzica curtigghi e cantuneri ppi circari bellibrigghia e cu scrivi puisi di lustr’i luna e ca di nomu fa Antoniu qualchi cosa l’hav’aviri di so’ ‘n pirsuna ca tratta di culu e friscùra. Ma non è ca c’è di farisinni maravigghia o ca iu stissu mi ni miravigghiassi. Non è ‘u primu e mancu l’urtimu ca ‘u sanu sentiri cc’u ‘n peccu curiusu come tantu ppi fari ‘n esempio ddu prufissuri di ‘n paisi sirausanu, ca di nnomu si chiama Bastianu ma è canusciutu comu Jaunu Spaccapirita. Cosa ca ‘n pocu fa pinzari macari ca unu non ci vulissi pinzari a ‘n prufissuri di scoli àuti usu liceu, maggistrali o scientificu ca u chiamunu Spaccapirita. Porcu d’Alìu, dicu iu, comu minkia s’ha vvardari uno di esseri canusciutu ppi spaccapirita? D’unni e di quali menti si iu a cunchiudiri ‘na simili ‘ngiuria? Spaccapirita su du’ paroli ‘u piritu e u spaccàllo. Ma come si po’ spaccàri ‘n piritu? Semu ‘ntra nuàtri stissi e n’u putemu primmèttiri di haviri na spieggazzioni. Dici: chistu fa pirita, e vabbeni, cu havi culu cunsiddira. Ma cchi vol diri ca poi ‘i spacca? E comu? Comu si po’ spaccari ‘n piritu? E allura a cos’è ca cc’è sutta qualcosa ca ’n suttamitafura voli spiegari chiddu ca unu hav’a capìri. Secunnu mia, siccomu ‘stu prufissuri scrivi puisii (minchiunarii, minchiati di prufissuri, quali puisii, uno allura picchì è prufissuri po’ scriviri puisii?) I soliti minchiati d’a vanedd’cani!. No, non v’allarmati, è ca iu certi cosi ppi quantu ‘i masticu non ci arrinesciu poi agghiuttìlli! Spaccapirita. Ma comu si po’ chiamàri Spaccapirita ‘n prufissuri? Forsi picchì è unu longu, niurongilu, autu di statura ca pari u pilèri d’u pilùni d’a ciavula. Scrivi puisii, cosa di farisi véniri l’ernia nt’i pedi di comu veni di rrìdiri e crepapanza. Janu Spaccapirita. V’u fiùrati a ‘na siràta di recital di pueti di chisti d’i ‘ngiuria, cchi sacciu, tipu Mar’a Sbirra, Ninu Varb’enespula, Angilu Bangascé, Pippu Pruvulavagnàta, a ‘n certu puntu c’arriva’ u so’ turno e chiamunu: Adesso è il turno del poeta Janu Spaccapirita!. E comu si po’ tratteniri uno d’arridiri? Ma non pinsati ca mi ni maravigghiu. U primu sugnu iu c’haviss’a rridiri d’u me’ peccu di chitarruni, ma almenu iu non dicu di scriviri puisii comu fa Janu e ‘a scìmia di Tàrzan. Ccu tutti sti frannògghili ‘n testa tilifunai al signor Antonio Culufriscu ca m’hao statu prisintatu d’u me’ mastru di chitarra. Cci spieggai u me’ dubbio e iddu m’u sciòsi subbitu a corpu siccu m’arrispusi: “Caro Nunziu il mio progetto ha programmato due udienze all’anno all’ONU, con ricevimento dei poeti di cui non sono le poesie che si debbono valutare, sono il primo a riconoscerlo che nelle salsicciate che scrivono c’è tutto meno che poesia, ma i soprannomi, sono piramidi, sono capolavori di tenuta universale, modestamente a partire dal mio “Culufriscu” e se mi consenti e accetti di aderire anche del tuo “Chitarrùni”, nomi che noi ci stiamo battendo per farli dichiarare di interesse universale, quindi patrimonio dell’Umanità. Che faccio ti includo nell’elenco con Spaccapirita e gli altri?”.

La proposta di Antonio Culufriscu mi ha scunfunnùtu l’anima. Cci arrispusi ca m’abbisugnassiru tri jorna di tempu ppi pinsaricci megghiu. Frattantu aviss’avutu di vidiri comu fineva a Taormina cc’u Gi Setti e i putenti cchiù putenti d’a terra ( e d’u mari!) ca si è ca chiss’i ddocu parrunu di puisia e arricevuno a Culufriscu , Spaccapirita e l’autri d’a cumpagnia … e picchì no? Ca mi cci scrivu macari iu ccu sta chiurma, tantu nuddu po’ diri che iu non sennu pueta non cci avìss’a trasiri nt’a calatracca, ‘n funno-funnu iu non pozzu fari nudda malacumparsa, iu non scrivu puisi, ma cantu, sonu e mi chiamunu Chitarrùni. E poi avviss’a aviri u comitu di sapiri picchi u prufissuri di Avula ca si vulissi fari passari ppi pueta, si sumporta e sicuramenti cci piaci di esseri chiamatu Spaccapirita e picchì pritenni di essiri pueta e non ci ha abbastatu ca u chiamunu Spaccapirita.

 

 

 

‘N SICILIA PIRAMIDI E MISERIA! CCHI VO’ FARI
CCU ST’ARIA FRISCA E ‘U SCIAURU D’U MARI?

‘N Sicilia arrivàru i faraùni
fabbricuno piramidi
a ccosca di finocchiu
tantu ca a ccorpu d’occhiu
unu dici mangiannu pani schittu:
‘“Minchia d’iddiu! e cchi semu ‘n Eggittu!?”

Mangia tu – mangiu iù tutt’è puisia
picch’ì soddi cci su’ cci nn’è ppi tutti
ppi cu s’allìtra a sucu di mulùni
e assenza di finocchi ‘i faraùni.
E si adòri a piramidi tu campi
s’annunca nenti! non ci su’ dinàri
si mancu aviss’a spisa ppi mangiàri,
si non sì’ aricchi duci nt’a to’ ‘ntisa
si non t’accàli e fai cul’e cammisa!

‘Nta ‘sta Sicilia a spaddi di Cariatidi
mpastunu i putenti faraùni
i so’ beddi piramidi ‘n sustanza
tra miserii e gnuranza
e nuddu ca i putissi scuncicàri
‘nta ‘sta Sicilia a çiauru di mari
d’àutru non c’è lustru ppi campàri
mancu ppi diri evviv’e cicilìu
inutili cantari e fari vuci
finu ca dura stu castiu di Ddiu
di ‘n fil’i spacu a gruppu ‘n cruci e nnuci.

Carmelu Tagghialiazzi
(Niputi d’u zzu Paulu Occhi Rizzi)

 

In Sicilia piramidi e indigenza! Cosa ci vuoi fare, con questa brezza fresca e l’odor del mare? -In Sicilia sono arrivati i faraoni / e fabbricano piramidi / a tenerumi di finocchio / tanto che a colpo d’occhio / uno esclama mangiando pane schietto: / “Potenza di Dio e che siamo in Egitto!?” // Mangia tu, mangio io tutto è poesia / perche il denaro c’è ce n’è per tutti / per chi si ubriaca bevendo succo d’anguria / e essenze di finocchi dei faraoni / e se adori la piramide tu vivrai / altrimenti il niente, non ci saranno denari / nemmeno se tu non hai quelli per la spesa di alimentarti, / se non avrai la sensibilità uditiva / che ti fa piegare riverente a culo e camicia // In questa Sicilia sostenuta dalle spalle di cariatidi / i faraoni potenti impastano per costruire / le proprie belle piramidi sostanzialmente / tra indigenze e ignoranza / e nessuno potrà disturbarli / in una Sicilia odorosa di brezze marine; / Per altre vie non ci sarà luce per sopravvivere / nemmeno per dire ciciliu / vano sarà cantare e alzare la voce / finché durerà questo castigo divino / di una cordicella con nodo a croce-noce.

 

 

N.B. Per questo trittico di due prose d’arte e una poesia l’Autore avverte a tutti gli effetti che ogni riferimento che potesse sembrare tale rispetto a nomi dei personaggi come dei luoghi o di fatti esistenti o esistiti è frutto di fantasia letteraria creatrice e non riguarda né può riguardare persone, luoghi o fatti esistiti o esistenti.

Print Friendly, PDF & Email