Due poesie

U ZZITU E U SALI

‘N tùmminu ‘i sali ppi ccu voli
a mmo’ figghia s’ha’ mangiari ‘n casa
‘n prova prima mi s’a porta
ccu d’iddu a ccasa nova!
‘N tùmminu ‘i Sali e iu
non vogghiu nenti
di stu parenti di carta ca rresta
sangu stranu.
Chistu era u raggiunamentu d’u viddanu
a ura d’accittàri u zzitu ‘n casa:
ciràsa sana o fracita si vidi
doppu n jornu nta ggistra.
Tempi ca foru tempi di viddani
quannu ancora non c’erunu airuplani
e mancu coca-cola, mancu c’era
divorziu e cannalonga ppi riconcu.
Ora ca c’è internet c’è facebook
è tutta n’autra cosa na misura
non c’è tumminu e mancu c’è statìa.
Ti pari a ttia ca unu po’ mangiari
‘n tùmmin’i sali?
Si poi cci veni u zzuccuru?
Cu s’a pigghia sta mprisa ca già feti
di farici pigghiari u diabbeti
prima ancora c’aggigghia
e giustu-giustu ô zzitu di mo’ figghia!

Una misura di venti chili di sale per chi vuole / sposare mia figlia deve mangiare in casa mia / per capire che razza di uomo è prima (che io consenta) il potersela portare / a casa nuova (sposa)/. Una misura di venti chili di sale / e io non esigerò alcunché da questo parente all’anagrafe che resterà / sangue di estraneo. / Era questo il ragionamento del villico / nel momento di fare entrare in casa il fidanzato della figlia: – la ciliegia marcia o sana si fa distinguere / quando sarà passato qualche giorno dacché raccolta è stata in una cesta./ Tempi che furono tempi di villici / quando ancora non c’erano aerei / e nemmeno coca-cola ancora c’era /né divorzio a manica larga e per reciproco convenire. / Adesso che c’è internet e c’è facebook / è tutto altra cosa la misura, / non c’è contenitore di venti chili e nemmeno la stadera (per pesarlo). / Ti sembra possibile che uno possa mangiare / venti chili di sale? / E se gli viene la glicemia? / Chi si assume la responsabilità di tale impresa che è già maleodorante / di fargli venire il diabete / prima ancora che le cose si manifestino definitive / e poi, giusto al fidanzato di mia figlia!

muri

SAN JABBICU MIRACULUSU ovveru
LITTRA SASIZZARA A MAR’A SCÌMIA

Unni t’arrizzittàsti Mar’a Sbirra?
Unni e nta quali àrbuli svarii
cc’a to facci di scìmia platirrina?
Na puisia t’a scrissi ‘sta matìna
e u pustèri t’a port’affin’a casa
ti scrissi ca si’ ncocciu di ciràsa
cc’u vermu d’intra e feti di vuìna!
M’ha’ salutari a Ninu Varbapersa
a Janu Spaccapìrita e a so’ soru,
m’ha’ salutari a cul’i pumadòru
u vitedd’i Marsala aricch’i porcu
e datu ca si larica d’arreri
m’ha’ salutari a tutti i cammarèri
d’u jornu di san Jabbicu, dda stati.
Furria furria sta cuddana ê sasizza
t’arrest’a tras’e nesci e ti sazzìa.

Dove sei finita in sosta puzzolente Maria ? /Dove e tra quali alberi saltelli svagata / con la tua faccia di scimmia platirrina?/ Questa mattina ho scritto per te una poesia / e il postino te la porterà fino a casa / ti ho scritto che sei un campione di ciliegia / col verme dentro e olezzi di fatta di vacca!/ Devi portare i miei saluti a Nino Barbapersa / a Sebastiano Spaccascorregge e a sua sorella / e devi salutare per me quel culo di pomodoro / che è il vitello di Marsala dalle orecchie suine / e dal momento che sei larga dietro generosità / devi portare i miei saluti a tutti i leccaculi / di quel giorno di San Giacomo, quell’ estate. / Gira e rigira questa collana di salsicce / te la puoi tenere tra l’entrare e l’uscire per saziarti

Print Friendly, PDF & Email